Bibliography on texts relating to plants of

Bibliography on texts relating to plants of

Bibliographic sources used for writing articles on plants

  • E. Accati Garibaldi, Floriculture treaty, Edagricole 1993
  • Nissen Dorte, Encyclopedia of indoor plants, The Castle 2006
  • R. Motti, Guide to the recognition of ornamental shrubs, Liguori 2001
  • J. Marinelli, Plants. The great illustrated encyclopedia of flora from around the world, Mondadori Electa 2005
  • S. Tonzig - E. Marrè, Elements of botany vol. 1 and 2, Ambrosiana Publishing House, Milan 1976
  • C. Cappelletti, Botany vol 1 and 2, UTET 1976
  • Phillips Roger - Rix Martyn, The Botanical Garden (vol. II: Perennials and annuals), FireflyBooks 2002
  • C. Longo, Plant Biology: Form and Functions (II Ed.), Utet 1997
  • M. Ferrari - E. Marcon - A. Menta, Phytopathology and agricultural entomology, Edagricole1994
  • A. Cronquist, Botany, Zanichelli 1979
  • P. Raven - R. Evert - S. Eichhorn, Plant biology, Zanichelli 2002.
  • A. Garibaldi - M. L. Gullino - V. Lisa, Diseases of ornamental plants, CalderiniEdagricole 2000
  • G. Goidanich, Plant Pathology Manual, Agricultural Editions Bologna 1978
  • E. Trembray, vol. I, vol. II (part I, II, III), vol. III (part 2), Entomology applied, Liguori Editori, various editions
  • A. Servadei -S. Zancheri - L. Masutti, General and applied entomology 1972
  • M. Muccinelli, Handbook of agropharmaceuticals, Il Sole 24 Ore Edagricole 2008
  • Tyson Northen, Land orchids in the house, Rizzoli 1981
  • W. Richter- I. Zanutto, Orchids: characteristics and cultivation techniques, Bologna Edagricole 1979
  • A.L.O., Orchids: 160 orchids to know and cultivate, Calderini Edagricole 2001
  • A. Skelsey, The orchids, Mondadori 1981
  • H. Mohr, Taxonomische Ubersicht uber die Gattung Restrepia Kunth (Orchidaceae), Leafl. Schlechter Inst. No. 2, 1996
  • M. Ochoa Magali, The great book of orchids, De Vecchi, 2002
  • F. S. Shuttleworth - H. Zin - G. Dillon, Atlas of Thropical Orchids, Edagricole 1985
  • Z. Jezek, The Encyclopedia de las orquideas, Libsa 2005
  • L. Berlocchi, The Flower of the Dei, Alternative Press 1966
  • A. Cattabiani, Florario, Mondadori 1996
  • C. Satta, Spontaneous medicinal plants of Sardinia, Zonza Editori 2007
  • P. Lanzara, Guide to Medicinal Plants, Mondadori 1984
  • G. Romagnoli - S. Vasetti, The ancient herbarium, Nardini publisher 1994
  • E. Bach, The twelve healers, Macro Editions 2011
  • G. Lodi, Italian officinal plants, Agricultural Editions Bologna, Bologna 1966
  • R. Phillips, Atlases of nature recognize trees, De Agostini 1993
  • M. Leporatti - S. Foddai -L. Tomassini, Atlas of plant anatomy and officinal plants, Piccin, 2001
  • A. Leung - S. Foster, Encyclopedia of Medicinal Plants Used in Foodstuffs, Medicines and Cosmetics, Aporie 1999
  • M. Bononi - F. Tateo, Principles of Technology and Use of Aromas, Chiriotti2000
  • U. Boni -G. Patri, Scover recognize use herbs, Fabbri Editori 2000
  • A. Chevallier, The Encyclopedia of Medicinal Plants, Dorling Kindersley 2001
  • W. A. ​​Emboden, Narcotic Plants, London Studio Vista 1972
  • A. Lehninger, Biochemistry (II edition), Zanichelli 1984
  • G. Samorini, Hallucinogens in the myth, Nautilus 1995
  • C. Nardone, Biotechnological food, Hevelius Editions 1997
  • R. Chiej, The Macdonald Encyclopedia of Medicinal Plants, TBS TheBook Service Ltd, 1984
  • J. D. Ackerman, The Orchids of Puerto Rico and the Virgin Islands, Universityof Puerto Rico Press. Editorial de la Universidad de Puerto Rico
  • P. Alrich - W. Higgins - B. Hensen - R. Dressler - T. Sheehan, The Marie Selby Botanical Gardens IllustratedDictionary of Orchid Genera, Cornell University Press, 2008
  • G. F. J. Pabst - F. Dungs, Orchidaceae Braziliensis, Vol. 1 Brucke-Verlag Kurt Schmersow, Hildesheim, 1975
  • A. Hawkes, Encyclopaedia of Cultivated Orchids: an illustrated descriptivemanual of the members of the Orchidaceae currently in cultivation, Faber London, 1965
  • R. Kaiser, The scent of orchids: olfactory and chemical investigations, Elsevier London, 1993
  • P. Vulliaud, Leonardo's esoteric thought, Mediterranean Editions, 2004
  • The great book of flowers and plants, practical Encyclopedia, Selected by Reader's Digest, Milan 1986.
  • M. Maffei, Vegetal biochem e, Piccin-Nuova Libraria, 1998
  • G. Easter - G. Abbate - C. Forni, General botany and plant diversity, II edition, Piccin, Padua 2011
  • R. Herwing, Encyclopedia of houseplants, Zanichelli, Bologna1991
  • The Royal Horticultural Society, Gardening, vol. i, ii, iii, Utet-Garzanti, Turin-Milan 1998
  • Tucci - De Leo, Medicinal Herbs and Medicinal Plants, Encyclopedic Handbook 2.0, First digital edition 2014
  • Christian Valnet, The Herbalist - Medicinal Herbs and Plants , R.E.I. Editions, 2016
  • Paul Goetz, Patrick Stoltz, Dominique Delaporte, Ginseng: Therapeutic Virtues of an Adaptogenic Drug, Springer, 2012
  • Robert L. Wolke, Einstein told his cook like this, Feltrinelli, 2016
  • Giuseppe Castello, Nutrition for well-being. The Mediterranean way to health, Youcanprint, 2018
  • Maria Zamolo, Herbs of health, De Old Publisher, Milan 1977
  • Elena Bortolini, Healing with garlic: therapeutic and gastronomic use, Hermes Edizioni, Rome 2003
  • Maria Giovanna Davoli, Fiorology. All the secrets of plants and flowers, Newton Compton Editori, Rome 2012
  • Ippolita Douglas Scotti, Ginger and turmeric. How to use two natural products with extraordinary properties in a simple and intelligent way, Newton Compton Editori, Rome 2017

Bibliographic sources used for botanical classification

  • W. Judd - C. Campbell - E. Kellogg - P. Stevens - M. Donoghue, Systematic botany: a phylogenetic approach, Piccin, Padua 2007

This page is constantly updated so if you return regularly, there will always be new texts.


International Plant Names Index

L'International Plant Names Index (IPNI) describes itself as "a database of names and associated basic bibliographic details for angiospermae, ferns and lycophytae". Plant name coverage is best at the species and genus level [1]. One of the objectives of the project is the elimination of the need to repeatedly resort to primary sources for basic bibliographic information on plant names.

The IPNI also maintains a list of the standard abbreviations of botanical authors. Initially these abbreviations were based on the work of Brummitt & Powell (1992), but new names and abbreviations are constantly added.


Index

Introduction
A family that matters
The myths of a journey
The choice of evolution
Biographical interlude and theoretical horizons
Black on White, 1842-44
Towards the origin of the species
The origin of the species
Reactions and disputes
After the Origin: inheritance, men and plants
Botanist Darwin
Climbing plants, insectivorous plants: intelligent plants?
Earthworms, the last effort
Honors and difficulties
1. The scientific mission of the Beagle
2. First results
3. The solution of the "mystery of mysteries"
4. Essay of 1844: variations in nature
5. The first great theory: coral islands and terrestrial dynamics
6. Lift craters: Darwin mediator between Charles Lyell and Élie de Beaumont
7. The journey: animals and plants
8. The Fuegians
9. Extinct species and living species
10. The Barnacles, laboratory of the separation of the sexes
11. Origin of the species
Chapters 1 and 2: Variations in the Domestic State and in Nature / Chapter 3: The Struggle for Survival / Chapter 4: Natural Selection / Chapter 4: Overview of Natural Selection and Sexual Selection / Chapter 4: The Divergence of characters and the tree of life / Chapter 5: the laws of variation / Chapter 6: difficulties of theory / Chapter 7: instinct / Chapter 8: the sterility of hybrids / Chapters 9 and 10: geology and succession of species in the ages of the Earth / Chapters 11 and 12: geographical distribution / Chapter 13: mutual affinities of living organisms, morphology, rudimentary organs / Chapter 14: recapitulation and conclusion
12. Plants and animals: flowers and insects
13. The heritability of acquired characters and the theory of Pangenesis
14. Italian criticisms of the Pangenese: Federico Delpino
15. The origin of man
Volume I. The human races / Volume II. Sexual selection
16. The evolution of emotions
17. The climbing plants
18. The disadvantages of self-fertilization and unions between relatives
19. The movements of the plants
20. The portentous earth worms
21. Darwin seen by Darwin
Bibliography
Index of names


Add or edit sources, citations and bibliographies

Support for Office 2016 for Mac ended on October 13, 2020

Upgrade to Microsoft 365 to work anywhere from any device and continue to receive support.

Note: We believe it is important to provide the latest Help content as soon as possible, in your language. This page has been translated automatically and may contain grammar errors or inaccuracies. The intent is to make the content usable. At the bottom of the page you can indicate whether the information was useful. This is the English language article for reference.

Before you can add a citation, a list of cited works, or a bibliography, you must add a source to the document. A cited list is a list of sources, typically located at the end of the document, referenced (which are "cited") in the document. A list of cited works differs from a bibliographic list, which is a list of the sources consulted to create the document. Once sources are added, a list of cited works or a bibliography can be automatically generated based on information on those sources. Each time you create a new source, the source information is saved on your computer. You can use the Source Manager to find and reuse any source you create, even those found in other documents.

Quotations are parenthetical references placed within the text. Quotations are different from footnotes or endnotes, which are placed at the end of the page and at the end of the document respectively. Source information stored in the Citation tool or in the Source Manager can be used to create citations, a list of cited works, or a bibliography. However, they cannot be used to create footnotes or endnotes.

For more information on templates for different styles, such as APA, visit the Office for Mac Templates website.

To add a citation in the document, first add the source that was used.

On the References tab click the arrow next to Bibliography Style and click the style you want to use for the citation and source. For example, social science papers typically use the MLA or APA styles for citations and sources.

Go to the end of the sentence you want to insert as a quote.

On the References tab click Insert Citation.

In the Create Source dialog box, next to Source Type, select the type of source you want to use (for example, an Address Book section or a website).

Enter the source details and click OK. The source is added as a citation at the selected location in the document.

At the end of the procedure, the citation is included in the list of available citations. When you want to cite this reference again, you won't need to type everything again, just add the citation (see the steps in the following procedure).

If you need to change a source, in the references tab click quotes and then click the Settings button in the lower right corner of the citations pane.

Click Change Source.

Make any desired changes to the source and then click OK.

To manage the list of sources, click Citation Sources Manager and then add, edit, or delete sources in the list.

Go to the end of the sentence or expression that you want to insert as a quote, then in the References tab click Quotes.

In the Citations pane on the right, double-click on the quote to add.

In addition to the citation options present in Word by default, you can add custom citation styles, such as Vancouver, to create your desired bibliographies and reference material.

The simplest approach is to download citation styles from sources such as BibWord.

The ability to work with XML is also possible to create custom styles. For details, see Create Custom Bibliography Styles.

A cited list is a list of all the works referenced (which have been "cited") in the document and is typically used when citing sources using the MLA style. A list of cited works is different from a bibliography, which is a list of all the works consulted during the research and writing phase of the document.

In the document, click where you want to insert the cited list or bibliography (usually at the end of the document, after a page break).

On the References tab click the arrow next to bibliography and then click bibliography o Works cited.

You can change the style of all citations contained in the list of cited works or in the bibliography of a document without manually changing the style of the citations themselves. For example, you can change the style of citations from APA to MLA

Choose Draft o Print layout from the View menu.

On the References tab click quotes.

In the quotation box, in the quote style list, select a style.

The new style will be applied to all references in the bibliography of the document.

Add, edit or remove a source

To add a citation, a list of cited works or a bibliography to the document, you must first add the list of sources used.

The Source Manager lists all the sources inserted into your computer for reuse in any other document. This feature is useful, for example, if you are writing documents using the same sources. If you open a document that contains citations, the sources of those citations are displayed in Current List. All sources cited, in previous documents or in the current document, are displayed in the Master List.

On the Document Elements tab, in References, click Manage.

At the bottom of the Citation Tool, click and then click Citation Sources Manager.

Select a source type from the Source Type pop-up menu.

Complete all the desired fields. Required fields are marked with an asterisk (*) and provide the minimum information required for a quote.

Note: You can enter citations even if you do not have all the publication data. If you omit publication details, citations are inserted as numbered placeholders. The sources can be changed later. Before creating a bibliography it will be necessary to enter all the required information relating to a source.

When finished, click OK.

The source information that has been entered is displayed in the Current List and Master List of Source Management.

To add more sources, repeat steps 3 to 6.

The source information that has been entered is displayed in the Citation List in the Citations tool.

You can edit a source directly in the document or in the Citations tool. When you change the source, the changes are applied to all instances of the citation within the document. However, if you make a manual change to a certain citation in the document, the change is applied only to the specific citation, which will not be updated or replaced when you update the citations or bibliography.

On the Document Elements tab, in References, click Manage.

In List of citations select the citation to edit.

At the bottom of the citations tool, click and then click Edit Source.

Make the desired changes and then click OK.

If a message appears asking if you want to save your changes in both the main list and the current list, click No to edit the current document only, or click Yes to apply the changes to the source of the citation and use it in other documents.

Before removing a source from the Citation List, you must delete all related citations.

In the document, delete all citations associated with the source you want to remove.

Suggestion: You can use the search field to locate citations. In the search field, enter part of the quote.

On the Document Elements tab, in References, click Manage.

At the bottom of the Citation Tool, click and then click Citation Sources Manager.

In Current List select the source you want to remove, then click Delete.

The source will only appear in the Master List.

Note: If the Delete button is not available or if there is a check mark next to the source in the list, it means that at least one related citation still exists in the document. Delete any remaining related citations, then try to delete the source again.

The removed source will no longer be in the Citations List.

Insert, edit or delete a specific quote

You can insert citations from a source list and make changes to a specific citation

Click at the point in the document where you want to insert the citation.

On the Document Elements tab, in References, click Manage.

In List of citations double click on the source to be cited.

The citation is inserted into the document.

Use this option to make custom changes to a citation while retaining the ability to update the citation automatically.

Note: Changes made with this method apply only to the current citation.

Click anywhere between the brackets of the quote. A frame will appear around the quote.

Click the arrow on the frame, then click Edit Citation.

Add page numbers or select the Author check box, Year o Title to prevent related information from appearing in the quote.

If you want to manually edit a certain citation, you can make the citation text static and edit the citation as desired. Once the text of the quote is made static, it will no longer be updated automatically. Any subsequent changes will have to be done manually.

Click anywhere between the brackets of the quote. A frame will appear around the quote.

Click the arrow on the frame, then choose Convert Quote To Static Text.

Edit the citation in the document.

In the document, find the quote you want to delete.

Suggestion: You can use the search field to locate citations. In the search field, enter part of the quote.

Select the entire quote, including the parentheses, and press DELETE.

Enter or edit a list of cited works or a bibliography

A cited list is a list of all the works referenced (which have been "cited") in the document and is typically used when citing sources using the MLA style. A list of cited works is different from a bibliography, which is a list of all the works consulted during the research and writing phase of the document.

In the document, click where you want to insert the cited list or bibliography (usually at the end of the document, after a page break).

On the Document Elements tab, in References, click Bibliography, then on Bibliography o Works cited.

You can change the style of all citations contained in the list of cited works or in the bibliography of a document without manually changing the style of the citations themselves. For example, you can change the style of citations from APA to MLA

Choose Draft o Print layout from the View menu.

On the Document Elements tab, in References, click the Bibliography Style pop-up menu and then choose the style to apply to references in the bibliography.

The new style will be applied to all references in the bibliography of the document.

If you add new sources to the document after entering a list of cited works or a bibliography, you can update the list of cited works or the bibliography to include the new sources.

Click on the list of cited works or on the bibliography. A frame will appear around the element.

Click the arrow on the frame, then choose Update Citations and Bibliography.

Word inserts a list of cited works or a bibliography as a field. The field frame indicates that the bibliography or list was created automatically based on the sources in the document. The frame allows you to convert the field to static text for editing like any other type of text.

Note: If you convert a cited list or bibliography to static text, you cannot use Word to update it automatically. Instead, it is necessary to delete the list of cited works or the bibliography and insert a new one.

Click on the list of cited works or on the bibliography. A frame will appear around the element.

Click the arrow on the frame, then choose Convert Bibliography To Static Text.


Bibliography on texts relating to plants of

Sources and minimum Bibliography

E-BOOK FOR YOU

Our books in

Vincenzo Schilirт - Profile (Anonymous Publishing Company Dante Alighieri, Albrighi, Segati & C., Milan 1931). A profile of the Bronte "educator and man of letters" written under the pseudonym Antos from the Malettese Antonino Schilirт who - writes Anselmo Di Bella in the Preface - "found the time to read and meditate on the works of Vincenzo Schilirт, and summed up his thought and art with admirable sobriety and clarity".

S. Arcidiacono, M. Napoli, P. Pavone

Memories and letters to the children(Turin, Fratelli Bocca Editori, 1903). The book published posthumously by one of the sons, the jurist and philosopher Giuseppe, contains the memoirs (the "Memories") of Antonino Cimbali, mayor of Bronte in the years 1862, 1869, 1888 and 1890, and his copious correspondence sent to the four illustrious sons. A real glimpse of Bronte's socio-political life emerges and a significant picture of the history of Bronte from 1822 to the tragic events of 1861, as well as, of course, the ideals and wisdom of a father who, with great sacrifices, managed to make children the pride of the small town where he lived.
A century later, with an initiative that deserves the applause of all Bronte people, the book has been excellently reprinted by the Banca Popolare di Bronte (edited by Biagio Saitta and Franco Cimbali, Tipolito Centrostampa, 2002). From the book of Antonino Cimbali read Morte al Dornese, I Facts narrated by Antonino Cimbali, The transaction of 1861.

Epistolary, (Turin, Unione typografica Editrice, 1912). The book contains the correspondence sent by Enrico Cimbali (letters to his father, brothers and various personalities of the time), the famous open letter to Francesco Crispi on Political parties in Italy, the electoral letters sent to the electors of his constituency, and the letters received from famous Italian and foreign people.

The social function of the modern state, a manuscript that has remained unpublished, preserved in the Library of the Real Collegio Capizzi and following the famous Roman lecture of 1881 on the reform of the study of civil law. It was recently published and commented by Paoladele Fiorentini of the University of Catania ("Enrico Cimbali and the social function of the modern state", Giuseppe Maimone Editore, Catania 1987).

Nicola Spedalieri, 18th century publicist, (Printing house Stab. S. Lapi, City of Castello, 1888). «In two large volumes, Mr. Avv. Giuseppe Cimbali illustrates the life and works of Nicola Spedalieri with broad intentions and with shrewd criteria. (.) The study of his mind is done with the intellect of love and conducted in such a way as to make it understand the form and structure of it and evaluate the results of his activity. " (Official Bulletin of the Higher Council of Public Education, January 19, 1889).

Terra di Fuoco - Sicilian legends (Euseo Molino Editore, Rome 1887), a pleasant booklet, written by Giuseppe Cimbali, which collects some Bronte traditions and facts as "legends". In our pages you will find a dedication ("A Monte Barca"), "The Madonna dell'Annunziata", "Christ at the column", and "The eruption of 1843".

The Real Collegio Capizzi, (Catania 1994). A book, full of interesting data on the life of Ven. Ignazio Capizzi and on the history of the college he founded, was printed by the direction of the Real Collegio Capizzi by the publisher Giuseppe Maimone. The volume, enriched with beautiful photos and partly new documentation taken from the College archive and from various State Archives, reconstructs the history of the College starting from its foundation (1778) up to the present day.

Pistachio between history and cuisine - One hundred recipes from Sicily and the world to taste and appreciate pistachio. ("Europa 2000" Study Center, San Giovanni La Punta, 1991). An original way to face and explain the use of pistachio in the kitchen with over one hundred recipes. The book is a rediscovery of pistachio and of the "oriental and picturesque culture" from which the recipes derive, ". An invitation for an intelligent and active gastronomic use, a way to restore dignity to a fruit capable of giving flavor and aroma to dishes. and sweets. "

The green gold of Sicily - Historical gastronomic tour on pistachio " (Il Lunario Publishing, Enna, 2007). «A book mainly about cookery: The green gold of Sicily by Irene Pellegrino Faro also becomes a reason for historical and social investigation of Bronte, the Etna town famous for its pistachio production. And around this extraordinary fruit, humble but stubborn like the peasants who cultivate it, the historical gastronomic journey of Faro unfolds with all the facts, the myths, the legends that it has generated and pure, but above all, with the cooking recipes that the ancient wisdom but also the more recent one of refined cooks has produced. And here we are at the table with first and second courses with pistachio, and also with appetizers and even with bread and salads but where sweets and ice cream dominate triumphant in aroma and flavor. Versatile fruit also creeps into alcoves as an aphrodisiac and goes around the world on the lips of important travelers who have come to savor its delicacies. And they exalt it and sing its praises, so many as to make it a myth. " [Pasquale Almirante]

Maniace, the former Duchy of Nelson, (Catania 1988, Giuseppe Maimone publisher). A story of ancient Maniace, of the tough peasant struggles against the Duchy and of the birth of the Municipality of Maniace written, after decades of meticulous research, by father Nunzio Galati, passionate protagonist of the local community.
By Nunzio Galati see the article "Verga, the Risorgimento and the clergy of Bronte".

Emilio Galvagno (Editor)

Open Air Sculpture Museum - Nelson Castle in Bronte, (ICA Institute for Culture and Art, Catania, 1990). The volume of about 100 pages reports the Proceedings of the Sculpture Symposium held in Bronte in the Nelson Castle from 27 September to 7 October 1990. It is enriched by numerous beautiful photographs of the works now exhibited in the Sculpture Museum located outdoors in the Ducea park Nelson.

Nunzio Sciavarrello - The environment, the flowers, the doves, (The Demarateion, Syracuse 1985). The catalog, published on the occasion of the exhibition held by Nunzio Sciavarrello in Syracuse from January 19 to February 9, 1985, is a precious collection of photos and writings on the Bronte artist.

Rural communities of modern Sicily - Bronte (1747-1853), (University of Catania, Faculty of Economics, 1969). The investigation, linked to the research on the "Structure of landed property in Sicily in the eighteenth and nineteenth centuries", deepens the knowledge relating to the structure of land ownership and the economic-social life of the Bronte area, one of the many feudal and state-owned municipalities of the Sicily.

N. Lupo, Ghosts, little village streets, (Vito Mastrosimini Publisher, Castellana Grotte 1995). A graceful diary where Nicola Lupo remembers with nostalgia episodes of his youth and the years spent in Bronte, describing and evoking "past and still living characters and facts and stories with the emotion of those who discover and rediscover their roots". A second edition revised and integrated with new memories and characters has been kindly made available to visitors of our site and is freely downloadable in PDF format.

Maria Sofia Messana Virga

The Duchy of Bronte(Bronte, Capizzi Classical High School, June 2005), edited by Marilщ Franco also includes "Through the Nelson Duchy"by William Sharp and an interesting afterword ("A feudal destiny") by Vincenzo Pappalardo.
The book - a new and unprecedented angle to the history of the Nelson fiefdom - is the "diary written for the family" of the 5th Duke of Bronte Alexander Nelson-Hood (1854-1937). Recently published, it represents a real mine of detailed information on the history and management of the Duchy, on the management criteria and the types of crops but also on the furnishings of the Castle, the local customs and the character of the Bronte people. Also highlighted is the "cold disregard for the fate of poverty and abjection of the peasants who worked the land".
Courtesy of the Liceo Classico Capizzi and Prof. Vincenzo Pappalardo we report the first part on our website (The Duchy of Bronte) while we refer to our digital edition (PDF format downloadable for free) for a complete reading of the book (complete with Introduction, Through the Nelson Duchy and the Afterword by V. Pappalarado).

Nelson Castle (Giuseppe Maimone Publisher, 1988), full of photos and unpublished and valuable information on the millennial history of the Castle and the ancient abbey of Santa Maria di Maniace. Offre una minuziosa ed attenta ricostruzione della storia del Monastero e delle vicende ad esso legate con una ricca documentazione fotografica a colo­ri realizzata in esclusiva da Alessandro Saffo.

La Corte Spirituale di Bronte - La vigilanza ecclesiastica sulle piaghe familiari nei secoli XVIII e XIX, (Rubettino Editore, Messina, 1993). Con una puntigliosa rico­struzione il libro fa risaltare alcuni caratteri della vita religiosa brontese e della "Corte Spirituale" operante a Bronte tra la fine del '600 ed i primi anni dell'964.

L’identitа e la macchia - Il battesimo della coscienza civile a Bronte nel dibattito sulla strage del 1860 (pagg. 340, Giuseppe Maimone Editore, Catania, 2009, edizio­ne fuori commercio). Scritto – si legge nel risvolto di copertina – «con un linguaggio volutamente letterario e non scientifico, presenta i documenti e racconta il tormen­toso e difficile processo di cultura che ha portato la comunitа di Bronte a nascere come societа moderna. E racconta come essa sia riuscita – nel variare dei destini esistenziali e delle fortuite collocazioni di ciascuno nelle gerarchie dell’economia e del successo sociale – a trovare la radice del suo esistere nella capacitа di sentire il grido di dolore degli avi e di lenire e rimarginare le ferite infette che suppuravano nelle loro carni.»
Alcuni brani del libro riferiti ai testimoni oculari dei Fatti del 1860 (il frate Gesualdo De Luca ed il capitano Antonino Cimbali), sono riportati nel nostro sito).

L'autore, laureato in Filosofia, и nato a Bronte nel 1963, insegna Filosofia e Storia nei Licei di Stato, collabora con la Cattedra di Storia del Cristianesimo dell'Universitа di Catania. Sulla cittа di Bronte, la sua storia e i suoi intellettuali, oltre a La Corte spirituale di Bronte, ha pubblicato Nicola Spedalieri, Quaresimale (Bronte 1995), La Storia d'Irlanda del card. De Luca (in Siculorum Gymnasium, Catania 1995), Un destino feudale (in La Ducea di Bronte di A. Nelson Hood, Bronte 2005). Per Maimone Editore ha pubblicato Santi e demoni dell'Etna, in AA. VV., Il vulcano e l'uomo, Catania 1999.

G. De Luca, Teologo del Sacramento del matrimonio, (1979, Edizioni Dehoniane, Palermo, pp.132), и una attenta e minuziosa ricerca storica sul frate cappuccino padre Gesualdo De Luca. Una delle poche biografie (forse l'unica) su questo "uomo di elevato ingegno, di straordinaria cultura giuridica e teologica, di appassionato e volte problematico attaccamento alla tradizione, allo "status quo", alle proprie vedute. " ". uomo chiamato, scongiurato, stuzzicato, per comare lacune, rivendicare diritti lesi, chiudere bocche troppo invadenti". L'ultima parte del libro и dedicata all'opera del De Luca "Consecrator christiani matrimonii. ", alle violenti polemiche che suscitт fino alla sua messa all'Indice da parte di Leone XIII.

Il lavoro e la lotta - Operai e contadini nella Sicilia degli anni 40 e 50, (1987, C.U.E.C.M., Catania). Un corposo volume di 350 pagine, dedicato al lavoro e alla lotta degli operai e dei contadini catanesi degli anni '40 e '50. Un libro costruito anche per immagini con una serie di 205 fotografie, scattate dallo stesso autore, fotografo ma anche organizzatore delle manifestazioni contadine per l'applicazione della riforma agraria e la spartizione delle terre. Una parte di evidenziato rilievo ha la lotta fatta in quegli anni dai contadini di Bronte, Maletto, Maniace e Tortorici per la divisione delle terre della Ducea Nelson.

Piante e fiori dell’Etna, (1991, Sellerio editore, Palermo), и una paziente e laboriosa ricerca sulla flora del vulcano, redatta con rigore scientifico e corredata da oltre 200 immagini e da schede floristiche. Una vera nomenclatura delle specie vegetali etnee, con nuovi dati e alcune specie di nuova segnalazione.

Memorie storiche di Bronte, (Stabilimento Tipografico Sociale, Bronte 1928, 1° vol., 1936 2° vol.). Quest’opera di Benedetto Radice, indispensabile a chi vuol conoscere la nostra storia, и stata ristampata nel 1984 a cura dell'ex Banca Mutua Popolare di Bronte.
Un esteso florilegio dello stessa (comprensivo anche della monografia "Nino Bixio a Bronte") и stato curato dal prof. Nicola Lupo e pubblicato sul presente sito. La raccolta sistematica delle Memorie storiche di Bronte и ormai introvabile l'Associazione Bronte Insieme Onlus ve la offre in una edizione digitale integrale, corredata da numeroso fotografie. In formato PDF, и liberamente scaricabile dal nostro sito. Raccoglie le 10 monografie del I° volume e le 6 del II° cosм come pubblicate da Bene­detto Radice nel 1928 e dal figlio Renato nel 1936.

Nino Bixio a Bronte, pubblicato nel 1910 nell’Archivio storico per la Sicilia Orientale. La monografia и stata ristampata, con introduzione di Leonardo Sciascia, dalle Edizioni Salvatore Sciascia (Caltanissetta, 1963). La monografia (tratta dal II° volume delle Memorie storiche di Bronte) и liberamente scaricabile dal nostro sito in formato PDF.

Due glorie siciliane, I fratelli De Luca, Bronte, 1926, Stabilimento Tipografico Sociale). Nel libro il Radice tratta, con ricca documen­tazione, un approfondito profilo biografico del Card. Antonino Saverio De Luca e del fratello Pasquale Placido, illustre economista, deputato al Primo Parlamento del Regno d'Italia (1861).

La rivolta. Bronte 1860, un'indagine di Lucy Riall, storica irlandese, sui Fatti di Bronte, un episodio emblematico del nostro Risorgimento, (Laterza, Collana: i Robin­son - Letture, pagg. 354, euro 20).

Il processo a Bixio, (Catania 1991, Giuseppe Maimone Editore). Stampato con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Bronte, nel ricostruire i fatti di Bronte del 1860 riporta integralmente gli atti del convegno-processo intentato dalla Cittа di Bronte contro Bixio e tenutosi nel Real Collegio Capizzi dal 17 al 19 Ottobre 1985. Una prima parte del libro tratta una vivace rievocazione del processo e dell'atmosfera che lo ha caratterizzato ed una un'interpretazione degli eventi del 1860.

Pirandello e la Sicilia, Salvatore Sciascia Editore, Caltanissetta, II edizione: Giugno 1968 (Aretusa, collezione di letteratura, diretta dea Arnaldo Bocelli). «Una inter­pretazione dei rapporti fra Pirandello e la Sicilia forse alquanto tendenziosa», scrive Sciascia di questo suo libro che «vuole essere una notizia della Sicilia attraverso particolari letture ed esperienze. Una “notizia”, soltanto nella forma diversa da quelle che, in altri libri, ho tentato di comunicare ai lettori».
Fra i vari capitoli dedicati a "Il Gattopardo", La mafia, al catanese Domenico Tempio, spicca anche quello stimolante, anche sul piano storico-politico dedicato ai Fatti di Bronte del 1860.

"C'era una volta il Rizzonito" - (Bronte nella storia d'Europa), (Torino, 1993). Dedicato "ai ragazzi di Bronte affinchй non dimentichino", il libro del poeta brontese. Pa­squa­le Spanт, espone il tormentato sviluppo delle vicende storiche di Bronte, inquadrato cronologicamente nella storia europea. Offre un quadro conciso ma completo e storicamente valido degli avvenimenti che hanno interessato la cittа etnea.

De' diritti dell'uomo, Libri VI, «ne' quali si dimostra, che la piщ sicura Custode de' medesimi nella Societа Civile и la Religione Cristiana e che perт l'unico Progetto utile alle presenti circostanze и di far rifiorire essa Religione. Opera di Nicola Spedalieri siciliano, dottore, e giа professore di Teologia, in Assisi MDCCXCI, con licenza de' superiori».

Nuovo vocabolario siciliano-italiano compilato da Antonino Traina (Palermo 1868), pp. XIV + 1159, con importante supplemento (pp. 1121-1159), il piщ ricco ed il piщ completo fra i vocabolari siciliani. E' possibile scaricarlo con facilitа da Google Libri.

Umberto Di Maggio e Sonia Cunsolo (a cura di)

Archivio storico dei Nelson

E' la copia fotografica, realizzata dal Comune di Bronte nel 2003, dei documenti provenienti dall'Archivio Privato dei Duchi Nelson (abbre­viato nei nostri testi con AN) trasferiti ed oggi conservati nell’Archivio di Stato di Palermo. Una vera miniera, ancora inesplorata, di docu­menti e infor­ma­zioni varie sulla storia, l'economia ed i personaggi di Bronte, del Monastero di Santa Maria di Maniace e della Ducea dei Nelson. Documenti storici, Bolle papali, Decreti reali, ma­no­scritti, atti ammini­strativi e legali, elenchi di cittadini e di censuari, note spese, lettere, con­tratti, copie di quoti­diani, memorie legali e quant’al­tro puт riguar­dare quasi nove secoli di storia dell'Uni­ver­sitа di Bronte, dell'Abazia di Maniace e della Ducea dei Nelson, fotografati e trasferiti in forma­to Pdf su 1.371 files (di oltre 35 Gb), per un totale complessivo di 244.759 fotografie (corrispon­denti a due pagine libro).

Bronte Notizie era una Rassegna periodica trimestrale, con distribuzione gratuita, pubblicata a cura dell'Amministrazione comunale dal 1 Aprile 1982 al gennaio del 1992. Con i suoi 40 numeri ebbe vita nel periodo delle sindacature di Giuseppe Franchina (che iniziт la pubbli­cazione e ne era anche il direttore), Firrarello, Paparo e Francesco Spitaleri. Ufficialmente definito nel sottotitolo, fin dal primo numero,
"Organo Ufficiale del Comune" e "nuovo mezzo d'infor­mazione dell'attivitа am­ministrativa" rispecchiava, anche se apertamente in modo autoreferenziale, un decennio di vita politico-amministrativa e di avvenimenti e "Premi" organizzati dal Comune o con il suo patrocinio. La Direzione, Redazione ed Amministrazione era presso la Se­de municipale. L'ultimo numero, n. 40 del gennaio 1992, и dedicato totalmente alla nascita dell'amministrazione guidata da Salvatore Anastasi. Difficile trovare comun­que la raccolta completa di Bronte Notizie, neanche presso la biblio­teca comunale.

Following Pistachio Footprints

Following Pistachio Footprints (Pistacia vera L.), “Sulle Orme del Pistacchio”, edito nel 2008 nell’ambito della collana Scripta Horticulturae dell’International Society for Horticultural Science. Il libro и nato dalla collaborazione di un ricercatore del CRA (Centro di Ricerca per la Frutticoltura) con diversi colleghi stranieri e con il contributo della Regione Siciliana, che si и fatta carico della stampa. Stampato in lingua inglese e italiana, fornisce informazioni circa le ricerche, le sperimentazioni, le tecniche colturali adottate, le origini delle cultivar, la distribuzione, la storia, le tradizioni e gli usi nella maggior parte dei Paesi nei quali il pistacchio и coltivato. Il volume и stato presentato a Bronte a Novembre 2008 nel corso di un interessante convegno internazionale.

"Il Ciclope (Bronte allo specchio)" era un quindicinale che vide la luce a Bronte nella seconda metа del secolo scorso e ha lasciato il segno ancora oggi continua a suscitare ricordi, curiositа ed interesse. Si definiva lo “specchio di Bronte”, e per il periodo nel quale andт in edicola (il primo numero porta la data del 14.7.1946 ed uscм di scena a fine 1950) lo fu veramente.
Purtroppo non esiste la raccolta di tutti i numeri chi l’ha tentata non и riuscito a completarla manca sempre qualche copia che forse и andata irrimediabilmente perduta o gelosamente custodita da qualche nostro concittadino, a Bronte o all'estero. Nel nostro sito vi riproponiamo alcuni articoli e qualche gustosa caricatura.

Ordine degli Architetti della Provincia di Catania

Il Parco dell'Etna - Ruolo dell'Architettura nell'Ambiente, (Catania, 1995). Atti del Convegno sul Parco dell'Etna organizzato dall'Ordine degli Architetti della Provincia di Catania, tenutosi a Bronte, nei locali del Castello Nelson il 9 Settembre 1994.

22° Distretto Scolastico - Adrano

Un itinerario lungo la valle del fiume Saracena, (Adrano, 1988). Il libro и una piccola guida ai beni culturali di Bronte, Maletto e Maniace, realizzata con un Progetto educazione permanente da gruppi di lavoro dei tre comuni interessati. Ricco di foto e di notizie inedite ed interessanti.


BPR - Bibliografia del Parlamento italiano e degli studi elettorali

Ricerca libera

Cerca attraverso lo schema di classificazione

Cosa è la BPR

La BPR è una bibliografia ed una biblioteca digitale sul Parlamento italiano e sulle elezioni politiche italiane dal 1848 fino ai giorni nostri.

La BPR comprende studi giuridici ma anche studi condotti sotto il profilo politologico, storico e sociologico ed è organizzata sulla base di uno schema di classificazione di oltre 100 classi, organizzate in sette grandi aree.

Dal 2002 la BPR segnala anche documenti reperibili sui principali siti web giuridici.

I testi integrali

Una parte dei riferimenti bibliografici è arricchita da testi integrali "allegati" disponibili in rete oppure derivanti da accordi con editori o da attività di digitalizzazione di opere non coperte da diritto d´autore, a cura della Biblioteca della Camera dei deputati.


Piante coltivate e CO2

PRODUTTIVITA’ DEI VEGETALI COLTIVATI E LIVELLI ATMOSFERICI DI ANIDRIDE CARBONICA

1. Aspetti generali

Negli ultimi due milioni di anni (Pleistocene o quaternario) i livelli atmosferici di CO2 hanno oscillato fra le 180 ppmv (parti per milione in volume) proprie delle fasi glaciali e le 280 ppmv proprie delle fasi interglaciali. Inoltre nell’attuale interglaciale (Olocene) i livelli di CO2 in atmosfera hanno manifestato un graduale incremento dall’inizio della rivoluzione industriale (convenzionalmente fissato nel 1750) tanto che dalle 280 ppmv del periodo pre-industriale si è giunti alle 400 ppmv odierne (Mariani, 2012). Tale incremento è da ritenere in parte frutto delle emissioni antropiche ed in parte dell’aumento delle temperature globali (circa +0.85°C in 150 anni) (Mariani, 2012).

Figura 1 – Andamento delle temperature globali (°C) e della CO2 atmosferica (ppmv). i dati osservativi sulle temperature globali provengono dal dataset HADCRT4, sono di fonte Hadley Center e Università dell’East Anglia (UK) e provengono dal sito - http://www.metoffice.gov.uk/hadobs/hadcrut4/data/current/download.html mentre quelli su CO2 sono riferiti a Mauna Loa e provengono dal sito http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/

Il diagramma in figura 1, riferito al periodo 1957-2013, mostra gli andamenti della CO2 atmosferica (linea rosa) e delle temperature globali (linea blu) ed è stato realizzato con dati provenienti da fonti ufficiali e cioè l’Ente americano per l’atmosfera e l’oceano (NOAA) e l’Hadley Center, ente di ricerca frutto di una cooperazione fra il servizio meteorologico Britannico e la Climate Research Unit dell’East Anglia University.

Da tale diagramma si evince che:

1. a fronte di una aumento graduale della CO2 (dalle 320 ppmv del 1957 alle 400 ppmv del 2013) le temperature globali morta un andamento più complesso con una diminuzione dal 1957 al 1976, un aumento dal 1977 al 1998 ed una nuova live diminuzione in seguito

2. la CO2 presenta una tipica ciclicità annuale con massimo nell'inverno boreale e minimo nell'estate boreale (il calo rispetto al massimo invernale precedente è di circa 6 ppmv). Tale fenomeno è effetto della fotosintesi (l'emisfero nord è l'emisfero delle terre e dunque le piante fotosintetizzano molto più che in quello sud) e porta all’interessante deduzione per cui per stabilizzare i livello atmosferici di CO2 potrebbe essere utile e ragionevole puntare su piante molto produttive.

2. Livelli atmosferici di CO2 e produttività di Ipomoea batatas

L'amico storico dell’agricoltura professor Gaetano Forni mi ha segnalato il lavoro Growth, Yield, and Nutritional Responses of Chamber-Grown Sweet Potato to Elevated Carbon Dioxide Levels Expected Across the Next 200 Years a firma di Benjamin Czeck, Hope Jahren, Jonathan Deenik, Susan Crow, Brian Schubert e Maria Stewart, ricercatori che operano presso istituzioni scientifiche delle Haway. Tale lavoro è stato recentissimamente presentato al meeting d’autunno della American Geophysical Union (l’abstract ed il poster sono consultabili al sito http://fallmeeting.agu.org/2012/eposters/eposter/gc21c-0970/).

Dal lavoro emerge che l'aumento di CO2 può essere una manna in termini produttivi per una coltura a tutti nota come cibo esotico e cioè la patata dolce (Ipomoea batatas L. - http://it.wikipedia.org/wiki/Ipomoea_batatas) una malvacea che appartiene al grande gruppo delle specie C3. In zona tropicale la patata dolce è coltivata moltissimo sia in pieno campo sia negli orti familiari e costituisce uno dei pilastri delle diete delle popolazioni povere della parte Sud del mondo.

Più nello specifico gli autori hanno operato in camere di crescita in cui i livelli di CO2 erano artificialmente portati a 760, 1140 e 1520 ppmv. In tali condizioni la produzione è aumentata sensibilmente tanto che dopo 3 mesi di crescita e nel caso di CO2 più elevata (1520 ppmv) la biomassa fresca epigea è aumentata del 31% mentre quella ipogea è cresciuta del 101%. Gli autori concludono che la risposta ipogea della patata dolce per livelli di CO2 elevata potrebbe avere un impatto significativo sulle disponibilità alimentari nei paesi in via di sviluppo.

3. Livelli atmosferici di CO2 e produttività della fotosintesi

Dobbiamo però domandarci se i risultati riportati nel paragrafo precedente costituiscano una vera novità. E qui la risposta è no, visto che le relazioni quantitative che intercorrono fra livelli di CO2 e livelli produttivi delle specie vegetali superiori (C3 o C4) sono note da decenni e la bibliografia è vastissima. Moltissimi risultati di sperimentazioni condotte nel 20° secolo sono riportati ad esempio nel classico testo di fisiologia vegetale di Tonzig e Marré (1968) mentre assai di recente Incrocci et al. (2008) hanno evidenziato i vantaggi in termini produttivi della concimazione carbonica in serra.

Per affrontare la questione in termini quantitativi uno strumento utile è costituito dall’equazione di Goudrian e van Laar proposta a pagina 43 del bel libro di modellistica di Penning de Vries et al. (1989):

Dove Ax è il livello produttivo di una pianta per una concentrazione atmosferica di CO2 espressa in ppmv e pari a Cx, A0 è il livello produttivo base per una concentrazione atmosferica base di CO2 pari a 340 ppmv e beta è un coefficiente pari a 0.8 per le piante C3 (frumento, riso, vite, olivo, patata dolce, ecc.) e 0.4 per le piante C4 (mais, canna da zucchero, ecc.)[1].

Se si applica l’ equazione di Goudrian e van Laar considerando come livello base di CO2 quello dell’ultima era glaciale (180 ppmv) si ottengono i dati in tabella 1.

Tabella 1 – Produttività della fotosintesi per le piante C3 e C4 stimata con l’equazione di Goundrian e van Laar ponendo a 100 i valori dell’era glaciale. Dati ottenuti considerando un livello di CO2 base (C0) di 180 ppmv ed un coefficiente beta di 0.8 per le piante C3 e di 0.4 per le C4. In grassetto si evidenziano 4 valori notevoli.

Incremento della fotosintesi

Incremento della fotosintesi

Legenda: (1) Livello di CO2 dell’ultima era glaciale (2) Livello di CO2 dell’epoca pre-industriale (fino al 1750) (3) Livello di CO2 attuale (4) Livello doppio rispetto al pre-industriale, raddoppio che con i ritmi di crescita attuali è atteso intorno al 2080 mentre modelli basati sulla crescita economica globale anticipano al 2050.

Una sostanziale conferma dei dati dell’equazione di Goudrian e van Laar vengono anzitutto da Sage e Coleman (2001) i quali evidenziano che nel passaggio dal livello di CO2 dell’ultima era glaciale a quello attuale, l’incremento di produzione risulterebbe pari al 50-60%, il che indurrebbe a ritenere che l’agricoltura non si sarebbe potuta sviluppare in epoca glaciale proprio a causa della bassissima produttività indotta dai troppo bassi livelli di CO2 (Sage, 1995). Inoltre nel passaggio dal livello di CO2 pre-industriale a quello attuale l’incremento di produzione del frumento, che è oggi il cereale più coltivato a livello mondiale, viene stimato nel 40% circa da Araus et al (2003) e nel 25% circa da Sage e Coleman (2001).

Per inciso ricordo che le piante assorbono la CO2 atmosferica grazie ad un enzima (il Rubisco) che per tale ragione è la proteina più presente in natura. Rubisco tuttavia ha un problema nel senso che è poco selettivo, per cui a bassi livelli atmosferici di CO2 (come sono ad esempio quelli attuali), l’enzima confonde la CO2 con l’ossigeno. Quando, durante le fasi glaciali, CO2 scende dai già bassi livelli attuali a livelli ancora più bassi (180-200 ppmv) le piante C3 (la gran parte delle specie coltivate, fra cui frumento, orzo, segale, riso, barbabietola, patata, ecc.) rischiano dunque la “morte per fame”.

E’ per tale ragione che con la comparsa (avvenuta circa 2 milioni di anni orsono, nel pleistocene) di fasi glaciali periodiche abbiamo assistito alla comparsa delle piante C4 (es: mais, sorgo, canna da zucchero) le quali rispetto alle C3 hanno il grande vantaggio di possedere un meccanismo biochimico di concentrazione della CO2 che permette loro di lavorare anche per i bassi livelli atmosferici di tale molecola propri delle fasi glaciali. Più nello specifico le C4 assorbono la CO2 immagazzinandola in forma di acido malico. Quest’ultimo viene trasportato in tessuti specializzati ove dall’acido malico viene liberata CO2 la quale raggiunge concentrazioni tali da far si che il Rubisco non la confonda con l’ossigeno.

A questo punto è abbastanza immediato dedurre che le piante C3 saranno quelle che guadagneranno di più dall’incremento di CO2 atteso per i prossimi anni ed infatti applicando l’equazione suddetta otteniamo il risultato in figura ove si mostra ad esempio che passando dalla concentrazione attuali di CO2 (390 ppmv) a quella attesa nel 2050 (560 ppmv) la produzione delle piante C3 aumenterà del 29% mentre quella delle C4 aumenterà del 15%. Insomma: il frumento dovrebbe battere mais 2 a 1.

Per inciso si rammenta anche che l’aumento di CO2 dovrebbe produrre:

- maggiore resistenza alla siccità per il semplice motivo che le piante avranno minor necessità di sviluppare gli stomi deputati ad acquisire CO2 dall’atmosfera e dunque avranno minori perdite idriche.

- maggior accumulo di sostanza secca nelle parti ipogee (organi di riserva come tuberi, radici, rizomi) il che si spiega con il fatto che la pianta ha minor necessità di sviluppare l’apparato epigeo per intercettare CO2. Tale fenomeno è pienamente confermato dai dati di Czeck et al., 2012

A mio avviso varrebbe anche la pena di verificare l’ipotesi secondo cui con la riduzione del numero di stomi per unità di superficie fogliare si avrebbe una maggiore resistenza ai patogeni che attaccano le piante attraverso le aperture stomatiche (es. peronosporacee).

Questi gli schemi che si ritrovano sui testi di fisiologia su cui anch’io mi sono formato. Attualmente però tutto questo pare essere stato scordato per cui ho spesso a che vedere con persone che a fronte di tali dati rispondono con sufficienza che gli incrementi produttivi saranno vanificati dalla maggiore virulenza dei parassiti o dalla maggior incidenza delle siccità o … (e chi più ne ha più ne metta). Per questo lavori come quello presentato dai colleghi delle Haway sono una buona cosa, per lo meno per contenere i voli pindarici.

4. L’utilità di ragionare al passato per valutare i progetti di geo-ingegneria

Il ragionamento che di solito viene condotto in ambito agronomico è quello che mira a cogliere i futuri incrementi di resa che saranno conseguiti grazie agli accresciuti livelli di CO2 in atmosfera.

Un esercizio interessante può invece consistere nel ribaltare temporalmente il ragionamento per cogliere l’incremento di produzione agricola che già oggi è stato conseguito in virtù dell’incremento dei livelli atmosferici di CO2 verificatosi o a partire dall’ultima glaciazione oppure a partire dal periodo pre-industriale.

Tale esercizio è tutt’alto che ozoso in quanto esistono progetti internazionali di geo-ingegneria finanziati e che mirano a “catturare” la CO2 in eccesso sottraendola all’atmosfera ed accumulandola nelle profondità della terra con il nobile scopo di riportare il sistema ai livelli pre-industriali.

Su tali progetti occorre da un lato considerare che, ammesso e non concesso che sia la CO2 a guidare le temperature globali, il suo rientro ai livelli per-industriali non annullerà di certo la variabilità del clima, che in epoca pre-industriale fu tanto ampia di causare immani carestie che decimarono la popolazione anche in Europa. Fra queste ricordiamo quella del 1594-1597 (la pioggia incessante rovinò i raccolti in tutta Europa), quella del 1693-1695 (penuria di generi alimentari milioni di morti in Francia e Paesi limitrofi) e quella del 1740-1750 (ultima carestia a dare morti per fame in Europa se si eccettua la carestia irlandese del 1845-1847, anch’essa, seppur indirettamente, causata dal clima (Mariani, 2008).

Inoltre nel’analisi costi-benefici di tali operazioni di geo-ingegneria è assolutamente necessario considerare in modo oggettivo il calo di resa cui andrebbero incontro le piante alimentari, con notevoli conseguenze sui livelli di sicurezza alimentare globali.

Bibliogafia

Araus et al., 2003. Productivity in prehistoric agriculture: physiological models for the quantification of cereal yields as an alternative to traditional Approaches, Journal of Archaeological Science 30, 681–693

Incrocci L., Stanghellini C., Dimauro B., Pardossi A., 2008. Rese maggiori a costi contenuti con la concimazione carbonica, Informatore Agrario, n. 21, 57-59.

Mariani L, 2006. Clima ed agricoltura in Europa e nel bacino del Mediterraneo dalla fine dell'ultima glaciazione. RIVISTA DI STORIA DELL'AGRICOLTURA, vol. anno XLVI, n.2, p. 3-42, ISSN: 0557-1359

Mariani L., 2012. CO2, agricoltura e ciclo del carbonio, AMIA, Acta Museorum Italicorum Agricolturae, n. 23-24, 12-22.

Penning de Vries F.W.T., Jansen D.M., ten Berge H.F.M., Bakema A., 1989. Simulation of ecophysiological processes of growth in several annual crops, Pudoc, Wageningen, 271 pp.

Sage, R.F., 1995. Was low atmospheric CO2during the Pleistocene a limiting factor for the origin of agriculture? Global Change Biol. 1,93–106

Sage R.F., Coleman J.R., 2001. Effects of low atmospheric CO2 on plants: more than a thing of the past, TRENDS in Plant Science Vol.6 No.1 January 2001.

[1] Vale la pena di segnalare che questa equazione ha una strana affinità formale con l’equazione di Mihre et al (1998) che descrive la relazione fra incremento del forcing radiativo rispetto a quello pre-industriale (anno 1750 con C0 pari a 280 ppmv) e livello atmosferico di CO2


Video: How to insert a bibliography and format citations