Olive cotonello (Euphyllura olivina). Damage and biological defense

Olive cotonello (Euphyllura olivina). Damage and biological defense

The cotonello of the olive tree (Euphyllura olivine) is a very common parasite in Italian regions where olive growing is practiced. We find it more frequently in coastal areas and in areas characterized by mild springs associated with high relative humidity. Heavy infestations of olive cotonello can cause damage especially during the flowering period, affecting the olive production of the year. Fortunately, this parasite is controlled by numerous antagonistic insects, which limit the incidence of damage. However, it is important to know how to recognize it and to know how to evaluate the effects of its presence, intervening when necessary with products allowed in organic olive growing.
In this article we see the description of this insect, its biological cycle, the damage it causes to olive trees and the appropriate bio defense strategies.

Description of the olive cotonello


The olive cotonello is an insect belonging to the order of Rincoti, family of Psylids, kind Euphyllura, species E. olivine. Here are the morphological characteristics to recognize it.

Cotonello of the adult olive tree

  • Length of almost 3 mm;
  • Stocky body, initially light green in color, which over time turns to brownish;
  • Head of yellowish color;
  • Obvious red eyes;
  • Wings that in rest position enclose the "roof" body.

Olive cotonello eggs>

  • Cylindrical shape;
  • As soon as they are laid, they are yellow in color, turning yellow-orange.

Olive cotonello nymphs

  • Length 1 mm;
  • Light yellow color;
  • Bright red eyes;
  • In the posterior part of the abdomen there are the ceripar glands, capable of secreting cottony flakes in abundance, hence the vulgar name of the species.

Biological cycle of the insect

The olive cotonello overwinters as an adult in the vegetation of the tree. In particular, at the base of small twigs, under the leaves and in the axillary buds. It resumes its cycle in spring, when it begins to lay eggs (between 150 and 200). L'oviposition it occurs in the flower buds and in the lower page of the leaves placed on the terminal ramifications. After about 2 weeks, the nymphs, which feed on the vegetal organs of the plant which they find at the moment of hatching of the eggs. The peculiarity of this parasite is the abundant production of wax flakes, quite evident, used by the nymphs to protect themselves. After this first phase, the nymphs fix themselves under the leaves to move on to adult stage. The entire life cycle of the cotonello can have a duration ranging from 25 to 50 days. It turns 3-4 generations a year, but it is the first spring generation that can cause the greatest damage to trees.

Damage to the olive tree cotonello


The cotonello of the olive tree, both at the nymph and adult stage, feeds on the sap of the tree, through trophic nutritional punctures. These are practiced on the floral buttons, causing flower abortion and / or sterility, therefore failed fruit set.
The second generation of cotonello can cause damage even to the small olives just attached, causing them falls early. The wax that the cotonello secretes, moreover, gives rise to abundant honeydew production, from which a later one can derive fumaggine. This is due, in the case of the olive tree, to the establishment of the ectoparasitic fungus Capnodium oleaginum. Smoke is that annoying blackish patina that smears the leaves, causing asphyxiation and a general deterioration of the vegetation. The damage can be high in case of heavy infestations and depends on the climatic trend of the spring season and the vegetative state of the tree.

The proliferation of the olive cotonello

The proliferation of the olive cotonello is strongly influenced by the climate of the spring season. A rainy spring hinders the development of the parasite, as the waxy protection is washed away by precipitation. As the wax layer disappears, the insect is exposed to other atmospheric agents (sun, wind, drops in temperature), which effectively limit the severity of the damage. High summer temperatures are also a negative factor for this insect. As a result of excessive heat, in fact, there will be weaker and fewer generations.

Antagonistic insects

Fortunately, there are many in nature beneficial insects which naturally control the populations of olive cotonello. The antagonists in particular are:

  • parasitoid hymenoptera: Psyllaephagus euphyllurae, Trecnies spp, Alloxysta eleaphila;
  • diptera hoverflies: Syrphus auricollis is S. flavomarginatus;
  • the hemipterous rincoti: Antochoris nemoralis is Deraecoris spp.

The grassing

In an environment characterized by a high degree of biodiversity, the presence of olive cotonello is kept under control by antagonistic insects. The management of the olive grove with the technique ofgrassing it certainly favors biodiversity and therefore the control of the presence of cotonello.

How to eliminate the olive cotonello

It is quite unusual that specific action should be taken against olive cotonel infestations. It is also true, however, that lately we are witnessing greater pressure from this parasite, especially in the southern regions.
It must be said that usually the interventions put in place for the olive fly they are also effective against cotonello, for which control is indirect. Specific intervention is necessary if the infestation gives rise to an excessive production of fumaggine. In that case, an abundant washing of the vegetation with soft potassium soap solves all problems. Recall that potassium soft soap is a product allowed in organic farming. Obviously this is a specific formulation for agriculture that must be of good quality. If you are looking for it, you can find a good product below.

It might also interest you

Organic cultivation

Organic Cultivation is a blog that was born from our desire to spread the good practices of organic farming. To do this we decided to give our knowledge to anyone who wants to get involved and create their own vegetable garden (even using a terrace or a simple balcony). Growing without the use of pesticides is possible and we want to prove it by presenting alternatives biological and effective for any type of problem linked to agriculture.


Insects that attack the olive tree

The olive tree is a very resistant plant to parasite attacks, among the various tree crops the olive grove has the great advantage of creating a relatively balanced ecosystem, where not only insects that can harm the plant find a place, but also several of their own. natural predators, which in most cases avoid the proliferation of harmful parasites.

However, in particular conditions of temperature and humidity it can be attacked by insects. Those who want to practice natural cultivation therefore cannot help but pay attention, learning to recognize possible threats and to intervene as needed with methods allowed by organic farming.

Below we will illustrate the main species of insects that attack the olive tree, the damage they cause and what are the remedies that can be used to combat them. We do not think exclusively of insecticide treatments, but we keep in mind that, in order to aim for maximum respect for the environment by cultivating the olive tree, the principle of prevention applies, especially in the case of small plants.


Diseases of the olive tree and possible treatments

All diseases of the olive tree they may depend on the climate, on some atmospheric phenomena or on the action of some insects, bacteria and fungi. Below is a description of some of the most widespread and dangerous diseases and some insects and bacteria that can cause serious damage to the olive tree.

Cycloconio or peacock eye

Between diseases of the olive tree, the peacock's eye (cycloconio from the pathogen Cycloconium oleaginum) is one of the most harmful: it mainly affects the leaves, but also attacks the twigs and olives. It is a fungal disease.

To check if the olive tree has this problem, just take a look at its leaves and notice if they have rounded gray spots with a brownish outline. When it is very hot, the edge of the spot also has a yellow halo.

What is the cure? If the disease is not yet very developed, it is preferable not to intervene. To understand the progress of the disease, a sampling of the leaves is done.

For apparently intact leaves, a caustic soda test can be done: dipping these leaves in an aqueous solution of caustic soda (5%) at a temperature of 50-60 degrees for 3 minutes. If, after immersion, there are dark rounded parts on the leaf, it means that the fungus has attacked them.

In the event that the infected leaves reach 30-40% then it is appropriate to proceed with the necessary chemical treatments, but only if there are favorable environmental conditions to worsen the situation, such as rain and humidity.

The treatments are usually performed at two different times: one between late winter and early spring, and the other in October. As for the choice of the product, it is advisable to use a registered one, to be used with caution, and which is a copper-based fungicide such as Bordeaux mixture. An alternative can also be a natural antifungal among these.

Olive tree mange

There olive tree mange is among the olive tree diseases more common in Italy, especially in areas with higher humidity. It is caused by the bacterium Pseudomonas savastanoi and attacks above all the younger twigs, but it does not spare the stems, leaves, fruits, large branches and roots either.

The action of the bacterium occurs through the wounds of the plant, because it penetrates them. The wounds on the plant manifest themselves through some atmospheric phenomena such as wind, hail and low temperatures, but can also be caused by incorrect pruning or with previously infected tools and collection of the olives, as well as from pests (eg plant parasites).

Furthermore, the olive fly can puncture the tree to deposit eggs, causing holes: the bacterium can also be transmitted by its bites.

When the olive tree mange attacks a part of the plant (an olive, a leaf, a branch, a stem) the disease can expand further. In fact, it travels along the lymphatic flow, and in the points where it reaches it creates other tumor growths.

How to solve the problem? The first thing to do is to cut all the branches that have the tumor growths, and subsequently destroy these branches (for example by burning them). Once the pruning work has been completed, the tools used must be disinfected to avoid transmitting the bacterium to other plants.

Another operation that can be done is the protection of wounds and cuts on the tree: they should be disinfected, using products based on copper salts.

Leprosy of olives

There leprosy of olives o Anthracnose is a fungal disease of the genus Colletotrichum, which mainly affects the fruits that are in the ripening phase. The olives they have a dark patch, which can expand and cause them to dry out. The attacked fruits fall from the tree after a few days.

What is the cure? It can be of two types:

  • Agronomic: avoid water stagnation, and thin out the foliage (perhaps favoring a pot cultivation) to avoid stagnation of humidity between the branches of the plant.
  • Chemistry: use copper-based products, in the fall, when the disease becomes more dangerous.

Olive thrips

Among the insects that cause olive tree diseases. the olive thrips (Liothrips oleae) is particularly insidious. An insect that damages the olive tree with its bites. The damage can be the following:

  • Stunted development by the shoots
  • Loss of leaves
  • Floral abortion: no olive will be born
  • The olives have a strange appearance (deformations, spots) and if the insect attacks them, it favors the drop (phenomenon of early fruit fall).

Insect bites can also promote the penetration of bacteria that cause other plant diseases.

The problem is solved with chemicals, but it is recommended to use them only when there are strong infestations (for example with 10% of shoots attacked).

For eliminate parasites like thrips, using biological control, predatory mites, which are natural enemies, can be introduced into the affected area. One of the effective methods to eliminate thrips is to wash the plants with soft vegetable soap (see the price on Amazon) and then use pyrethrum-based products.

Cotonello dell’olivo

The cotonello of the olive tree Euphyllura olivina (Costa) is an insect that can settle on the branches of the olive tree, making bites to feed itself. The damage it causes affects buds, flowers and fruits.

What is the solution to this problem? In case of heavy infestations, a chemical intervention is carried out with special products. In addition, it is advisable to thin out the crown of the tree to prevent too much humidity from forming, which would tend to favor the establishment of other colonies of this insect.

Cochineal

There cochineal half a peppercorn (Saissetia oleae) and the cottony cochineal of the olive tree (Lichtensia viburni) are two insects that settle on the underside of the leaves. They feed by taking sap from the plant, causing less development of the shoots and less production of olives.

Their attack is caused by nutrition stings and honeydew production. Honeydew damages the leaves and stimulates the production of fumaggini (fungi that cause other damage in turn).

In this case, the treatment with chemical interventions is carried out only if there are infestations of great importance, also because this insect is prey to several other insects. To avoid the stagnation of humidity, which can attract the cochineal, pruning is recommended to thin out the branches.

Olive moth

There olive moth (Prays oleae) is a 13-15 cm butterfly with a wingspan, and has a predominantly gray color. Depending on the stage in which it is found (larva, chrysalis, adult butterfly) it can attack leaves, flowers or fruits.

The remedy against the insect can be of a chemical type, especially for the carpophagous generation (second generation larvae), and more rarely for the antophagous one. Chemical interventions are only necessary if a threshold of 4-5% of attacked flowers is reached.

Currently, also to save on chemicals, there is a tendency to combat the insect with guided fight techniques, which are based on sampling and tricks, or the use of sexual traps (using pheromone diffusers to confuse the animal). Furthermore, it is possible to follow the indications relating to the regional or provincial integrated pest management bulletins.

Guided struggle, with various types of sampling and monitoring, determines the intervention threshold: that is, when it is convenient to use a treatment to get rid of olive moth. The treatment to be used concerns the use of pesticides.

The integrated struggle is instead a defense mechanism that provides for a series of measures to use as few chemical products as possible, also respecting the intervention thresholds of the guided struggle.

Moscow of the olive tree

There olive fly is an insect that causes stings to the olive tree to feed itself, and is one of the main vectors of olive tree mange. To get rid of it, we resort to chemical products, or to the integrated control mechanisms mentioned above.

Xylella fastidiosa and CoDiRo

There xylella it is a bacterium that lives inside the plant. It appropriates the conductive vessels that carry water and nutrients. It attacks many plants, in addition to that of the olive tree and can cause various diseases. A subspecies of the xylella fastidiosa it is also responsible for the CoDiRO, the complex of rapid drying of the olive tree.

When this bacterium is inside it, the plant risks dying because its conducting vessels fill with a gel, obstructing them: this makes the plant no longer able to absorb water and nutrients.

In the case of this bacterium, there are no adequate agronomic and chemical techniques to solve the problem. The only effective possibility is to destroy all the sick trees, burning them, to avoid infecting other plants. The olive tree is in fact not very resistant to the action of xylella, and the infestation of the latter is usually very large.


Cotonello (Euphyllura olivina) Adversity >>

www.naturamediterraneo.com www.naturamediterraneo.com www.naturamediterraneo.com

Identification of symptoms

The adult has a 2-3 mm brownish-green body with a well developed head. The juvenile forms live sheltered from abundant waxy secretions on the infested organs.

Damage manifests itself on shoots, inflorescences and fruits and is determined by trophic stings both by adults and by juvenile forms and by asphyxiation caused by the enormous quantity of waxy secretions produced by the entire infesting colony.

  • On the flowers the attack causes floral abortion and dripping
  • On the fruits the cascola
  • The sprouts infested, they show stunted development and sometimes completely dissect.

The honeydew produced also causes burns (due to the "slow" effect) and the onset of fumaggine.

Description of the damage caused

The individuals of the second generation installed on the floral stems are more harmful, as they take the sap necessary for the development of the fruits. Larval colonies that exceed 7 or 8 individuals per stem are dangerous at the threshold of 20 larvae per stem, the collection decreases from 50 to 60%. The waxy filaments give the tree a distinctive appearance. The smokiness that develops on the honey aggravates the situation. The fight against this individual requires preventive intervention.

Physical description

  • Adult: psylla very small, about 2,5 mm long, hunchbacked, the head bent forward and of sturdy appearance, with the wings folded over the back. Jump before you fly. It has powerful wings, with a characteristic rib. General light green color, with the front legs tending to light brown.
  • Eggs: more or less ellipsoidal, a little pointed on the anterior end, rounded on the other pole with a peduncle thanks to which it is fixed on the vegetable. Measuring 0.35 x 0.14 mm, the color is whitish at the tip, gradually becoming yellow-orange.
  • Larva: it undergoes 4 larval moults, plus the imaginal moult. Its length varies from 0.4 to 1.5 mm. It is covered with an abundant filamentous waxy secretion. The last 2 stages have wing openings.

Biological cycle

It overwinters as an adult on the twigs in spring the females lay eggs by inserting the eggs into the buds and after 15 days the nymphs are born that lead a gregarious life for a long time. The development of the first generation is completed in a month, this is followed by a second one that affects the flowers. The latter is followed by other generations. The species can make 5-6 generations per year.

A first generation develops in March April in May June a second one develops which is carried on the inflorescences and on the floral buttons. The individuals of this second generation enter into summer rest when the temperature exceeds 27 ° C. The activity resumes in early September when temperatures cool down. The adults lay eggs, giving birth to the third generation. In this generation there are adults who will winter in the fall.

Biological description

Species strictly entrusted to theOlive tree.

  • The adult it hides in the cracks and crevices of the tree trunk. It resumes its activity in the spring and mates. The female lays more than a thousand eggs with a frequency ranging from 1 to many units from time to time.
  • Longevity: 2 to 3 months.
  • Eggs: they hatch within 8 to 12 days.
  • The larvae they nourish themselves by taking the lymph, secrete an abundant honey, on which the fumaggine develops. The larval state lasts from 24 to 35 days.


Category: Year 2018

Articles 2018 of the Agraria.org magazine

The pepino (Solanum muricatum) is a solanacea native to South America, more precisely from the Andean area. In Italy it is still little known and is called as pepino melon, while in South America it is common to find it for sale on the streets under the name of pepino or cachuma ...

Flavio Rubechini agricultural expert specializing in viticulture and enology, he has worked for both wine-producing and mixed-address companies in Sicily, Tuscany and Veneto. He specializes in superfruits, from their cultivation to their marketing and has attended courses at Massey University in New Zealand. He is currently an agricultural entrepreneur in Sicily.

The olive cotonello (Euphyllura olivina Costa, 1839), is an insect that causes considerable damage to olive groves in the Mediterranean basin ...

Thomas Vatrano - Graduated in Agricultural Science and Technology in 2007 at the University of Mediterranean Studies of Reggio Calabria. Achieved the title of Doctor of Research, in Pharmaceutical Sciences, at the University of Magna Graecia of Catanzaro - A.A. 2014-15. During his PhD he specialized in varietal identification in olive trees and the molecular traceability of olive oil through the use of SSR molecular markers. He collaborated with the Council for Research in Agriculture and the Analysis of Agricultural Economy (CREA) Research Center for Olive, Fruit and Citrus Growing (CREA-OFA), where he was involved in experimenting with dwarfing rootstocks to be adapted to super-intensive farming system. He currently works as a technical consultant on behalf of Organazoto fertililizzanti SpA.

The area infected with Xylella fastidiosa sub widens. pauca strain Codiro. This was decided by the European Phytosanitary Committee which moved the northern limit by 40 km, incorporating the surveillance and buffer areas of the previous map ...

Gennaro Pisciotta, graduated in Agricultural Sciences and Technologies at the G. Marconi University - Faculty of Applied Sciences and Technologies of Rome, is a freelance agrotechnician and oenologist and lecturer at the ISIS "Falcone" in Pozzuoli (Naples).

Let's try to get to know Tamaskan better, explaining its origin, filtering and clarifying the flood of information that has reached us from the United States, Scandinavia and Great Britain ...

Federico Vinattieri is a passionate dog breeder, ornithophile and poultry farmer (owner Allevamento di Fossombrone)

Quality is difficult to define and quantify, especially in the case of checks, when you want to establish whether a wine bearing a designation of origin actually has that origin or really has its characteristics ...

Roberto Sorrentino, Wine Technician Agronomist, enrolled in the Professional Order of Agronomists and Foresters of the Province of Siena.

The solarization technique is carried out by covering the ground with a transparent plastic film which must have a high mechanical resistance, with thicknesses of 25-50 microns and a thermal capacity that fully enhances the greenhouse effect on the ground ...

Eugenio Cozzolino: Degree in Agricultural Sciences, obtained at the Faculty of Agriculture of the University of Naples "Federico II". Qualification to practice as an agronomist. Member of the "National list of inspectors responsible for the control of bodies or organizations recognized as suitable for carrying out official tests for the purposes of registration of plant protection products" established by the Ministry of Agriculture and Forestry. Employed since 1987 in the technical role of Mipaaf and subsequently as Technical Collaborator in the roles of the CRA (Council for Research in Agriculture) which became CREA (Council for research in agriculture and analysis of the agricultural economy) starting from 2015. He is the author of about one hundred scientific and popular publications.

It is a totally unknown breed in Italy among all the breeds belonging to the "group n ° 1 FCI", ie the grouping that includes all the "shepherd and cattle breeds", the only one to have never set foot on the ground Italian, it's Lancashire Heeler, at least from what I understand ...

Federico Vinattieri is a passionate dog breeder, ornithophile and poultry farmer (owner Allevamento di Fossombrone)

In the last twenty years, some people have decided to restart old traditions, including the production of wine. Some oenological practices used in the past are still used, while others have been revised and / or replaced with new techniques more suitable for quality production….

Marco Sollazzo, graduated in Food and Oenological Technologies, Viticulture and Oenology Curriculum at the Faculty of Agriculture of Viterbo, obtained a master's degree in Viticultural and Oenological Sciences inter-university at the Faculty of Agriculture of Turin, discussing the thesis "Evaluation of the analytical conditions of mini-contact test and use of biopolymers for the tartaric stabilization of wines ".

Dear Readers, Also this year we have arrived on the eve of the summer holidays and, as usual, this is the time to take stock of the activity carried out over the last year by the Agraria.org network and by the Association of Agraria.org ...

By ornamental herbaceous perennials we mean all those plants that do not develop woody structures, which periodically renew the epigeal part of the plant, keeping the underground part always active and vital and which have an ornamental use in the garden. It is an extremely heterogeneous group, in which plants such as bulbous, stoloniferous, rhizomatous, ferns, or grasses can be found ...

Claudio Casini, landscape architect, graduated from the University of Florence in 2014. Specialized in the design of the plant component of landscape projects, in recent years he has dedicated himself to the study of ornamental perennial herbs.

It is a perennial herbaceous plant, provided with stolons, that is, with thin creeping stems along which, at the height of the nodes, roots, leaves and then flowers and fruits develop from the nodes, therefore new seedlings can be obtained. collated, that is, made up of primary and secondary roots ...

Gennaro Pisciotta, graduated in Agricultural Sciences and Technologies at the G. Marconi University - Faculty of Applied Sciences and Technologies of Rome, is a freelance agrotechnician and oenologist and lecturer at the "Falcone" ISIS in Pozzuoli (Naples).


Olive cotonello (Euphyllura olivina). Damage and biological defense - garden

The cotonello of the olive tree is a psylla that stings. If you explore the cottony now you will find the youthful forms not or pre-winged, which are green in color.
The importance of the damage is in principle correlated to the rainfall and the vegetative state of the olive tree: in the phase in which it is yours it can cause flower and fruit abortions.

In professional olive growing it is generally not specifically considered in the Defense Regulations both because it is not considered of primary importance, and because they cover the treatments that may be made for the moth, or only agronomic remedies are indicated (elimination of the most affected parts, keep the foliage ventilated when pruning) therefore there is nothing specific about the chemist unless indicated that to be effective, the treatment must be carried out promptly at the very first appearance to hit the newborn forms before most of them protect themselves with flockiness

As for the biological fight, the cotonello already has several natural enemies and there are no auxiliaries traded specifically for this target.

There are those who propose DIY remedies with various mixes, but here I abstain. In the geographic areas I frequent (Ponente Ligure) I have never seen treated (I find cotonello on my olive trees in my garden by the sea, but I only take pictures of it).

Let's listen to what Hyspanico who has first-hand cultivation experience says and hear if he suggests products.

If you can retrieve and post the link with the splice I would be interested in reading it.
Thank you


Volume: the olive tree and the oil

Introduction

A modern phytosanitary defense in olive growing cannot be separated from substantial respect for the environment. Currently there is a tendency to affirm the concept of "integrated production", in which a system is identified that can promote agricultural development while respecting the environment. This policy, among other things, is stimulated and economically incentivized by EU policies, so much so that there is a significant increase in olive-growing areas in the forms of integrated and organic production. In addition to safeguarding the environment, this type of cultivation aims to improve the quality of the product. A rational application of defense techniques must therefore take into account the "quality" factor, reconsidering the thresholds and methods of intervention against each parasite. In the context of eco-cultivation, forms of prevention assume particular importance, given that forms of biological control are possible only in a conservative sense (maintenance of biological equilibrium within the ecosystem), which must primarily concern nurseries, where you can contract the first infections and where the seedlings must come out accompanied by certification. Subsequently, the olive growers must carefully analyze the environmental conditions in which the cultivation will be carried out as they are very important for the development of diseases. Particular attention requires the choice of cultivars that may have different susceptibilities and agronomic measures that tend to the best physiological balance of the plant, especially in terms of pruning and prevention during its implementation (disinfection of cutting tools). Sono fondamentali anche le scelte sul tipo di irrigazione da adottare e l’assenza di consociazioni con orticole che talvolta fungono da fonti di inoculo di patogeni. Nell’ecosistema oliveto convivono all’incirca 300 specie di parassiti, tra cui un centinaio tra funghi, batteri e altri organismi dannosi, oltre che più di una dozzina di virus. Fra questi parassiti, quelli che provocano un danno economicamente significativo alla produzione olivicola sono solo poche unità, alle quali è necessario destinare una specifica lotta. Le fitopatie dell’olivo sono dipendenti da agenti biotici, essenzialmente provocate dall’attività patogena di entità batteriche o fungine, molto più raramente virali, o da fattori abiotici, prevalentemente relativi a sfavorevoli condizioni climatiche ma anche a gravi squilibri nutrizionali oppure a stress da inquinamento Contrariamente a molte altre specie legnose, in realtà l’olivo mostra una situazione fitopatologica relativamente semplice. Infatti, fra i patogeni significativi una sola specie batterica (P. savastanoi) e 4 funghi (S. oleagina, V. dahliae, C. gloeosporioides, M. cladosporioides) possono assumere incidenza e diffusione tali da compromettere l’assetto vegetativo, la produzione o la stessa vitalità della pianta. Si segnalano, inoltre, altre malattie (marciume radicale, carie e fumaggine) dovute all’azione multipla di più agenti fungini appartenenti a generi diversi. Per quanto riguarda i virus, invece, solo SLRV può produrre, forse, qualche danno.

Occhio di pavone (Spilocaea oleaginea)

È la più importante e diffusa malattia fungina dell’olivo e si manifesta in forme più o meno gravi in relazione alla suscettibilità varietale, alle condizioni vegetative delle piante e alle situazioni pedo-climatiche dell’oliveto. Infatti, le infezioni sono più frequenti negli impianti ad alta densità e nelle zone vallive dove si verifica una maggiore persistenza di umidità. Il fungo attacca essenzialmente le foglie e, in casi particolari, anche le drupe, i giovani rametti e i peduncoli. La sintomatologia tipica è riscontrabile sulla pagina superiore delle foglie con evidenti macchie circolari, più o meno estese in relazione allo stadio vegetativo del fungo, di colore dal grigio chiaro al verde scuro circondato da un alone giallo. In relazione alla entità delle macchie e alla superficie da esse occupata, l’intera foglia tende a ingiallire completamente e a cadere anticipatamente, inducendo grave filloptosi sui rami o sull’intera pianta, con conseguente minore funzionalità vegetativa e produttiva. L’acqua rappresenta l’elemento indispensabile per le infezioni e la diffusione della malattia, che si verificano attraverso i conidi, prodotti sulla superficie delle foglie attaccate e diffusi nell’ambiente attraverso la stessa acqua o il vento e anche tramite insetti presenti nell’ambiente olivicolo. Per determinare una nuova infezione è necessario che la superficie fogliare sia coperta da un velo d’acqua per parecchie ore. Ciò si verifica sia per le piogge prolungate, sia per la presenza di umidità relativa prossima alla saturazione o per nebbie persistenti. Le temperature ottimali per le infezioni sono tra i 18 e i 20 °C. Nella generalità dei casi tali condizioni ottimali si verificano essenzialmente nel periodo primaverile e in quello autunnale e, in aree olivicole più meridionali, anche durante il periodo invernale al verificarsi di temperature miti. Le infezioni primaverili hanno un periodo di incubazione più lungo (2-3 mesi) rispetto a quelle autunnali: infatti nel periodo estivo è possibile diagnosticare la presenza delle infezioni prima della loro manifestazione evidente sulle foglie con il metodo della “diagnosi precoce” (immersione delle foglie in una soluzione di idrato sodico o potassico al 5% per 2-3 minuti a temperatura di 50-60 °C). Le infezioni autunnali invece si evidenziano in breve tempo, 15-20 giorni, e sono caratterizzate da macchie più piccole che interessano anche le giovani foglie. Un aspetto interessante da tenere in considerazione nel controllo della malattia è la mancata possibilità di determinare infezioni da parte di conidi che sono presenti su foglie cadute al suolo. I danni provocati dalle infezioni del fungo vanno valutati in relazione all’entità di attacco. Infatti, considerando l’elevata quantità di foglie presenti sulla pianta, per percepire e poter valutare un danno produttivo è necessaria una diffusione che interessi almeno il 30% delle foglie. La loro caduta è la manifestazione più eclatante della malattia, a cui conseguono gravi squilibri ormonali e nutrizionali che interferiscono con la formazione dei fiori, provocando deficit produttivi. In molti casi e in diverse zone, notevole importanza nel contenimento della malattia rivestono gli aspetti agronomici: sistemi di conduzione ad ampio sesto di impianto e potatura frequente determinano una scarsa incidenza di occhio di pavone. Infezioni consistenti determinano defogliazione anticipata della pianta con conseguente scarsa attività fotosintetica e scarsa produzione dei frutti. Il controllo della malattia va effettuato in relazione al grado di infezione normalmente riscontrata nell’oliveto oltre a una valutazione nel periodo di fine inverno. Se l’oliveto presenta elevate infezioni bisogna effettuare un intervento prima della ripresa vegetativa, con prodotti a base di rame, al fine di favorire la caduta delle foglie infette (per l’azione fitotossica del rame). È consigliato l’uso della dodina nei casi di annata di carica, al fine di non provocare una forte defogliazione che potrebbe incidere sulla produzione. Poiché le foglie infette cadute al suolo non rappresentano fonte di inoculo per nuove infezioni, si riscontra momentaneamente un risanamento della pianta. Successivamente, prima della fioritura, quando si sono formati i primi 3-4 nodi fogliari va effettuato un secondo intervento per proteggere la vegetazione che si è appena formata e devitalizzare eventuali conidi presenti sulle foglie. Le eventuali infezioni che si verificano nel periodo della tarda primavera e che si manifesteranno in settembre, possono essere preventivamente rilevate nei mesi estivi, in laboratorio, con il metodo della “diagnosi precoce”, perché queste sono ancora in forma latente non avendo completato il periodo di incubazione. In caso di riscontro positivo va programmato un terzo intervento alla comparsa in campo delle macchie sulla pagina superiore delle foglie. Tale trattamento ha lo scopo di devitalizzare i conidi che si stanno formando e di proteggere la superficie delle foglie dalle nuove infezioni. Negli oliveti in cui le infezioni sono di lieve entità è sufficiente iniziare gli interventi in presenza dei primi 3-4 nodi fogliari. Un criterio importante nell’impostazione del controllo della malattia è di mantenere sempre bassa la percentuale di foglie infette, in modo da evitare una rapida diffusione delle infezioni. In particolare, è stato verificato che, mantenendo una buona sanità delle piante fino al periodo autunnale, è possibile giungere fino alla primavera successiva con basse percentuali di infezione. Alcune operazioni colturali, come la potatura, possono contribuire a ridurre le infezioni in quanto si permette una maggiore aerazione della pianta con conseguente riduzione del tempo di bagnatura delle foglie.

Piombatura o cercosporiosi (Mycocentrospora cladosporioides)

Questa malattia attacca l’olivo con differente intensità nelle diverse aree di coltivazione, anche se negli ultimi anni si rileva una maggiore pressione del fungo, tale da interessare aree sempre più estese, con danni di un certo rilievo. Le infezioni interessano essenzialmente le foglie, ma sono note anche infezioni sui piccioli con formazione di macchie grigie, sui peduncoli delle drupe manifestando tratti necrotici e sulle drupe con formazione di chiazze di colore rosso-bruno simili a un inizio del processo di invaiatura. In alcuni casi si rincontrano anche infezioni su giovani rametti con presenza di aree fuligginose, grigie, di forma ed estensione variabili. Sulle foglie i sintomi dell’attacco si manifestano sulla pagina inferiore sotto forma di macchie irregolari di colore grigio piombo e possono essere confuse con una forma lieve di fumaggine. Sulla nuova vegetazione, le infezioni si evidenziano sulle foglie più basali a fine agosto-inizio settembre e, successivamente (ottobre-novembre), vanno a interessare, in maniera progressiva, le altre foglie più apicali del rametto e possono proseguire anche durante l’inverno, al verificarsi di temperature miti ed elevata umidità. Nella maggior parte dei casi le infezioni avvengono, per trasmissione da foglie infette a foglie sane, direttamente, senza la necessità che si abbia un periodo di vita saprofitaria del fungo su foglie cadute al suolo. Il fungo si posiziona inizialmente in superficie, poi penetra nell’interno della foglia, sia attraverso aperture naturali (stomi), sia attraverso ferite occasionali. Le ife del fungo, successivamente, invadono l’intera foglia determinandone l’ingiallimento. Nelle fasi iniziali dell’attacco la distinzione delle foglie infette da quelle sane risulta difficile solo un attento esame può riuscire a identificare la presenza del fungo che si manifesta con piccoli puntini neri. Le forme di riproduzione e di diffusione, quali i conidi, si possono formare anche in tempi brevi (12-15 giorni) se le condizioni sono favorevoli. In fase di quiescenza il fungo è in grado di produrre dei corpi scleroziali che ne consentono la conservazione nel tempo. Sulle foglie cadute al suolo il fungo continua la sua attività mantenendosi vitale, in condizioni di umidità e temperatura favorevoli. Le foglie interessate dal fungo iniziano a ingiallirsi in modo progressivo partendo dalla zona primaria dell’infezione fino a interessare l’intera foglia. Gli studi su tale malattia hanno identificato nel periodo di fine primavera il verificarsi delle infezioni sulla vegetazione dell’annata e nel periodo estate-inizio autunno la manifestazione dei sintomi. Pertanto, eventuali interventi di controllo della malattia vanno effettuati con prodotti a base di rame durante il periodo estivo. In caso se ne rilevi la presenza sulle foglie più apicali, è necessario proseguire gli interventi anche nel periodo autunnale. Risultano comunque anche validi gli interventi primaverili effettuati contro l’occhio di pavone.

Lebbra o antracnosi (Colletotrichum gloeosporioides)

Questa malattia è abbastanza nota nelle aree olivicole sin dal Novecento e si riscontra essenzialmente nelle zone di coltivazione più meridionali. Le infezioni di questo fungo si verificano in modo differente nel corso degli anni, mostrando una regressione notevole per mutamenti climatici tendenti più al secco. Non mancano, comunque, annate in cui, per la presenza di piogge o di maggiore umidità nel periodo vegetativo, si registra un elevato grado di infezione e una diffusione su ampi territori olivicoli. La lebbra si manifesta sulle drupe in autunno, quando cominciano a invaiare o sono gia mature, determinando il marciume delle stesse, con la caratteristica “mummificazione”. Il fungo si conserva sotto forma di periteci, di micelio o di conidi nei frutti marciti e in tutte le parti vegetali attaccate e si manifesta all’epoca dell’invaiatura. Penetra all’interno del tessuto attraverso aperture naturali e ferite. Le infezioni interessano generalmente le drupe situate nella porzione bassa della chioma dove maggiore è il tasso di umidità e la ricaduta dell’inoculo proveniente dalle zone più alte. Le drupe infette presentano inizialmente delle tacche rotondeggianti livide che successivamente raggrinziscono fino a interessare l’intero pericarpo con riduzione del peso anche fino al 40%. Queste cascolano precocemente e nei casi più gravi si può perdere fino al 50% della produzione. Sulla vegetazione gli attacchi sono particolarmente intensi in annate con primavere miti e piovose, interessando foglie, giovani rametti e altri organi verdi. Le foglie mostrano accentuati sintomi di clorosi sin dalla primavera come conseguenza di infezioni che si realizzano sulla nuova vegetazione in fine inverno-inizio primavera, diventando uniformemente clorotiche in piena estate. Il fungo è in grado di determinare infezioni dirette ai frutti e alla vegetazione attraverso lisi enzimatica della superficie integra della cuticola, ma risultano più frequenti i casi di penetrazione attraverso ferite provocate da altri agenti parassitari come la mosca delle olive (Bactrocera oleae), che spesso funge anche da vettore d’inoculo. Le condizioni ottimali per lo sviluppo del fungo si verificano con intervallo di temperatura compreso fra 16 e 25 °C, con un optimum di 21-22 °C. I danni sono, comunque, essenzialmente a carico dei frutti che cadono precocemente, con perdita di prodotto o, nel caso questi siano utilizzati per la trasformazione in olio, producono oli scadenti con colorazione rosata più o meno intensa e un’elevata acidità con valori variabili in funzione della percentuale di infezione. Il contenimento di questa malattia passa attraverso forme di controllo agronomico (cultivar meno suscettibili, adeguata potatura) e interventi chimici con prodotti a base di rame, quando vengono spesso rilevate nelle annate precedenti infezioni del fungo e si verificano frequenti piogge e nebbie nel periodo di maggiore suscettibilità delle drupe (settembre-novembre).

Verticilliosi (Verticillium dahliae)

La verticilliosi dell’olivo è presente in molte regioni del Mediterraneo, ma recenti indagini hanno messo in evidenza la sua forte espansione in Italia (particolarmente grave appare la situazione in Calabria e Sicilia). Tale forte diffusione del parassita, che interessa maggiormente le giovani piantine ed è favorita dall’accertata suscettibilità di alcune cultivar molto diffuse, è dovuta a varie cause telluriche (terreno infetto trasportato dalle macchine oppure tramite ospiti intermedi come infestanti e orticole), ma anche alle procedure di propagazione in vivaio, spesso effettuate senza la necessaria attenzione nel prelevamento di marze da piante infette (magari senza sintomatologia evidente). Il deperimento da tracheoverticilliosi si manifesta con evoluzione cronica (meno grave) su piante adulte, ovvero con evoluzione acuta (sindrome apoplettica) più frequente nelle giovani piantine, sulle quali, nei casi più gravi, può determinare un esito infausto. Una terza forma di infezione riguarda piante asintomatiche (probabilmente con resistenza di tipo tollerante) che si limitano a ospitare il fungo nei vasi xilematici. Questo fungo è notevolmente polifago, infettando un’elevata quantità di specie coltivate, e si conserva nel terreno, anche per numerosi anni, sotto forma di microsclerozi o nell’interno di tessuti infetti e, al verificarsi di condizioni favorevoli, penetra nell’interno della pianta attraverso microferite provocate all’apparato radicale, o da ferite e lesioni determinate specialmente nella fase di trapianto. La diffusione avviene ad opera dei conidi prodotti dagli stessi microsclerozi o da materiale infetto per mezzo dell’acqua di irrigazione o di insetti. In particolare quando, nelle prime fasi di impianto dell’oliveto, si pratica in consociazione all’oliveto la coltivazione di piante orticole, fortemente suscettibili al fungo (pomodoro, patata, peperone, melanzana ecc.), queste ultime costituiscono fonte d’infezione iniziale del terreno con conseguente passaggio nel tempo anche sulle piante di olivo. Dopo la penetrazione, il fungo incomincia a diffondersi nei vasi legnosi, invadendo essenzialmente i vasi a ridosso della zona cambiale occludendoli e, tramite la corrente linfatica, porzioni di ife vengono trasferite in più parti della pianta. A seguito di ciò, si può riscontrare una sintomatologia che inizialmente ha un decorso di lento ingiallimento e successivo disseccamento di alcune parti di pianta o di organi vegetativi, in quanto scarsamente alimentati dalla linfa. Le foglie diventano di colore verde opaco e si distaccano precocemente, mentre i rametti assumono una colorazione bruno-rossastra esternamente e marrone scuro nell’interno. In tali casi, piante adulte hanno anche la possibilità di sopravvivere, in quanto si riesce a ricostituire la chioma. In caso l’infezione abbia un decorso più rapido, i rami o le branche o l’intera pianta disseccano in breve tempo senza consentire il distacco delle foglie, che rimangono accartocciate e rinsecchite sulla pianta. Tali manifestazioni risultano più evidenti nei periodi di maggiore carenza idrica. Sezionando un ramo interessato dal fungo sono evidenti i vasi legnosi imbruniti, ostruiti da materiale di consistenza gommosa proveniente, sia dalla degenerazione delle cellule limitrofe alle trachee, sia dalle parti vegetative e riproduttive del fungo. Sulla parte esterna dei rami e delle branche interessate, la corteccia può non presentare sintomi appariscenti, ma nei rami giovani (2-3 anni) possono manifestarsi striature necrotiche di colore scuro, leggermente depresse, in senso longitudinale, anche per lunghi tratti, dove il legno si presenta imbrunito e la corteccia con alterazione del colore dal violaceo al marrone. I casi di infezioni da V. dahliae, su piante sia adulte sia giovani, risultano sempre più frequenti, specialmente nei nuovi impianti allestiti con genotipi suscettibili al patogeno. Le strategie per il controllo di questa malattia sono difficili e si basano essenzialmente su misure preventive per evitare infezioni o diminuire l’eventuale inoculo già presente. Ciò riguarda in primo luogo i vivaisti, i quali devono prelevare le marze da piante certamente sane e utilizzare terricci non infetti, ma anche gli olivicoltori, che devono evitare consociazioni con solanacee e cucurbitacee, porre la massima attenzione nell’uso dei mezzi agricoli su terreni che possano risultare contaminati e ricorrere possibilmente all’irrigazione a goccia, invece che a scorrimento. Diventa, in tali casi, fondamentale realizzare i nuovi impianti, specialmente nei terreni contaminati, utilizzando materiale vivaistico certificato e controllato esente da tale fungo. In caso contrario è buona norma, prima di effettuare nuovi impianti, lasciare per alcuni anni il terreno non coltivato, ma pulito da erbe spontanee, o seminato con graminacee, specialmente se in precedenza siano state effettuate coltivazioni con colture sensibili alla malattia, o siano stati riscontrati casi di infezione. Nei casi di accertata presenza qualsiasi attrezzo utilizzato per l’asportazione dei rami secchi o per la potatura di piante infette deve essere sempre disinfettato prima di operare su piante sane. Numerosi sono i tentativi di controllare la malattia con prodotti chimici, ma al momento i dati sperimentali sono ancora in fase di conferma e di eventuali registrazioni di sostanze attive. Le acque di vegetazione hanno mostrato capacità di inibizione dello sviluppo del micelio, per il momento solo in vitro su isolati colturali, con prospettive applicative soprattutto per la riduzione dell’inoculo nel terreno. Come nelle precedenti patologie, anche in questo caso si ritiene che il contenimento di questo patogeno debba essere affrontato attraverso la ricerca di fonti di resistenza genetica. Gli elementi finora noti non sono molti, tuttavia indicano l’esistenza di notevoli potenzialità nell’ambito della variabilità esistente, dalla quale già oggi si possono trarre interessanti indicazioni sulla resistenza-tolleranza di diversi genotipi, anche da utilizzare come portinnesti.

Brusca parassitaria (Stictis panizzei)

Questa malattia interessa essenzialmente le foglie, determinando disseccamenti parziali di colore rosso mattone a margini sfumati che successivamente diventano bruno cenere limitati da bordi di colore marrone scuro. La malattia si riscontra in quasi tutte le aree olivicole e si evidenzia nelle annate in cui si verificano elevate umidità e alte temperature nel periodo autunnale. In ogni caso difficilmente interessa l’intero oliveto, ma solo piccole aree e con attacchi di lieve entità. Il fungo penetra nelle foglie in autunno attraverso gli stomi e invade i tessuti fogliari in breve tempo, determinando sotto l’epidermide della pagina inferiore le fruttificazioni agamiche, picnidi, poco evidenti per le loro dimensioni ridotte. I picnidi producono dei picnoconidi unicellulari che costituiscono le forme di diffusione della malattia. Nel tardo autunno-inizio inverno, si differenziano sulla pagina superiore della foglia le fruttificazioni gamiche del fungo rappresentate da apoteci di colore nero, ben visibili a occhio nudo in quanto sono erompenti dall’epidermide. Nell’interno degli apoteci si formano gli aschi contenenti le ascospore e le parafisi. Il micelio che si sviluppa dalle ascospore vive saprofiticamente, produce i picnidi dai quali fuoriescono i picnoconidi determinando le nuove infezioni in autunno. Le aree necrotiche sono collocate sia nella zona apicale sia lungo i margini delle foglie e non determinano generalmente la caduta precoce delle stesse eccetto nei casi in cui sia interessata la parte basale. Si tende, in alcuni casi, ad associare alla brusca parassitaria quella non parassitaria, i cui sintomi sono simili macroscopicamente, ma differiscono per alcuni aspetti. Nella brusca non parassitaria l’alterazione è determinata dall’azione dei venti asciutti, sciroccali ecc., e inizia con disseccamenti dell’apice della foglia in corrispondenza del mucrone, dove vi è maggiore traspirazione per assenza della cuticola, e prosegue sulla lamina fogliare, senza mai interessare le zone laterali delle foglie. Su tali aree disseccate non si manifesta alcun tipo di punteggiatura in quanto non vi sono elementi vegetativi. Percentuali elevate di foglie infette da S. panizzei possono causare una parziale riduzione di funzioni fotosintetiche, ma difficilmente si riscontrano riduzioni di produttività. La brusca parassitaria non richiede specifici trattamenti chimici per il limitato grado d’infezione che determina. Pertanto, i trattamenti effettuati nei confronti di altre avversità fungine, con prodotti a base di rame, riescono a controllare le infezioni e la diffusione della malattia.

Carie o lupa

Questa malattia è presente in tutte le aree di coltivazione dell’olivo e in particolare nelle zone dove si pratica spesso la potatura effettuando tagli su grossi rami o su branche. La carie interessa essenzialmente il legno della pianta ed è determinata da un complesso di funghi la specie più frequentemente riscontrata è Phellinus friesianus, a cui seguono altre come Fomes spp., Coriolus versicolor, Poria medulla-panis, Trametes hispida, Stereum hirsutum, Coriolus hirsutus e Irpex spp. Queste specie fungine degradano la cellulosa, la lignina e altre sostanze presenti nella cellulosa, provocando il disfacimento e la disgregazione del legno delle branche, del tronco e in particolare della sua parte inferiore, cioè il pedale, estendendosi a volte anche alle radici più grosse. La prima manifestazione è l’arresto dello sviluppo della corteccia che, successivamente, rimane depressa, staccandosi e lasciando a nudo la parte legnosa. Il “lieve rimbombo” che si ha alla percussione di tali zone è diverso rispetto a quello di un tronco in buone condizioni. I grossi tagli spesso non protetti da mastici o sostanze in grado di impedire la penetrazione dei funghi costituiscono la causa principale dell’insediamento della malattia agevolata anche dall’infiltrazione di acqua nei tessuti legnosi. I funghi penetrano nelle branche o nel tronco molto lentamente e si approfondiscono procedendo attraverso i raggi midollari, invadendo il legno, il cambio ecc. e riescono a diffondersi sia verso il basso sia verso l’alto. Con la devitalizzazione della parte cambiale e dei vasi di trasporto della linfa grezza (alburno) si determina un arresto o una riduzione nell’alimentazione della chioma, che inizialmente manifesta sintomi di sofferenza e di ingiallimento e, successivamente, la caduta delle foglie e il disseccamento dei rami e delle branche. Ciò comporta la necessità di interventi di ricostituzione della parte epigea dell’albero o di alcune branche colpite se non addirittura la capitozzatura totale. Il controllo di questa malattia va impostato preventivamente, al momento dell’effettuazione dei grossi tagli con protezione degli stessi con mastici cicatrizzanti, previa disinfezione del taglio con prodotti chimici o con il fuoco. Tale operazione, che generalmente non viene mai operata sull’olivo, riveste notevole importanza per prevenire la carie, in quanto nell’olivo le ferite da taglio cicatrizzano lentamente consentendo la penetrazione di acqua e funghi. Nei casi in cui la carie sia già presente sulla pianta è possibile, alla comparsa dei primi sintomi, individuare la sua presenza battendo sugli organi vegetativi che emettono suoni diversi a seconda che siano sani o invasi dai funghi. Le operazioni di eliminazione delle parti degradate detta “slupatura” e i vari sistemi di ripulitura delle parti cariate costituiscono l’unico mezzo valido per risanare gli alberi. In molti casi tali operazioni determinano profonde incisioni nel tronco alterando l’aspetto normale delle piante. Oggi questi interventi vengono eseguiti con celerità anche mediante motosega che, però, non consente di effettuare una pulitura più accurata. Pertanto, alla fine delle operazioni di slupatura è possibile riscontrare legno ancora infetto dai funghi. Inoltre, il legno messo a nudo e non intaccato potrebbe ulteriormente essere infettato, per cui, anche in questo caso è necessario proteggere queste ferite con prodotti disinfettanti, con mastice protettivo o, meglio, con il fuoco che, oltre a cicatrizzare, elimina completamente eventuali residui del fungo.

Fumaggine

Con il termine fumaggine si intende la manifestazione di “annerimento” riscontrata sulla superficie della vegetazione e prodotta da ammassi nerastri di funghi saprofiti. È, infatti, costituita da un complesso di funghi epifiti (Capnodium, Alternaria, Cladosporium ecc.), con miceli scuri che formano colonie nerastre, dapprima di aspetto polverulento, poi di forma feltrosa su tronco, branche, rami e, soprattutto, foglie. I funghi vivono all’esterno dei tessuti vegetali a spese di sostanze zuccherine (melata) prodotte sia dalla pianta sia dagli insetti. La teoria più accreditata è comunque quella che considera il fattore predisponente riconducibile essenzialmente alla presenza di melata, secreta dalle cocciniglie e in particolar modo dalla cocciniglia mezzo grano di pepe (Saissetia oleae). Nei numerosi rilievi, infatti, è sempre stata riscontrata una diretta associazione tra la presenza della cocciniglia e quella della fumaggine. Tali insetti spruzzano, in forma di minute goccioline, le escrezioni con alta concentrazione di sostanze nutritive contenute nella linfa assunta con l’alimentazione. Tali goccioline si depositano sulla superficie di tutta la vegetazione (foglie, frutti, rami, branche ecc.) producendo un luccichio sotto i raggi del sole, per cui il fenomeno è visibile anche a distanza. Sono noti anche casi di fumaggine a seguito di attacchi del cotonello dell’olivo (Euphyllura olivina), che ricopre la pianta di abbondate materiale ceroso di aspetto cotonoso che viene facilmente colonizzato dai funghi. In presenza di rugiade frequenti e persistenti, che portano l’umidità relativa prossima al 100%, sulla melata si insediano diversi funghi saprofiti, presenti comunemente in ogni ambiente agricolo e, nell’arco di circa un mese, si forma un feltro nero su parte o su tutta la vegetazione. La maggiore manifestazione di fumaggine si riscontra da settembre a febbraio quale periodo più umido, mentre nei periodi più secchi o di minore attività della cocciniglia si assiste a un disseccamento della massa fungina con conseguente distacco delle parti colpite. Alla ripresa vegetativa, la nuova vegetazione generalmente non viene attaccata dai funghi, per cui la pianta assume nuovamente un aspetto verdeggiante, ma se non viene eliminata la causa (cocciniglia), in settembre si “annerisce” nuovamente. Il danno indiretto è costituito dal fatto che lo strato feltroso di colore scuro, compatto, che ricopre tutti gli organi vegetali della pianta determina un ostacolo all’attività fotosintetica con conseguente deperimento generale della pianta e una ridotta produzione di fiori e frutti. In molti casi è possibile un deprezzamento del prodotto, in particolare modo per le olive da mensa, che si presentano annerite e appiccicose, ma anche per quelle da olio che hanno necessità di essere lavate prima della molitura. Tutti i fattori che favoriscono lo sviluppo delle cocciniglie associati a condizioni che determinano l’instaurarsi di funghi (zone più basse, più umide, meno ventilate, scarsa potatura ecc.) comportano l’instaurarsi della fumaggine sulla pianta. La difesa pertanto va impostata cercando di eliminare innanzitutto la presenza della Saissetia oleae o di altri insetti che possono produrre melata e cercando di migliorare le condizioni vegetative della pianta, effettuando concimazioni razionali e adeguate potature per favorire l’arieggiamento e il soleggiamento della chioma. Il controllo della fumaggine solo con prodotti rameici o con altri anticrittogamici non costituisce la soluzione del problema.

Marciume delle drupe (Camarosporium dalmaticum)

È una malattia causata indirettamente a seguito di altri eventi fitopatologici, infatti il fungo viene veicolato dal cecidomide Prolasioptera berlesiana o penetra nella drupa attraverso ferite provocate dalla mosca. Risulta accertato, comunque, che il micelio del fungo è simbionte delle larve del cecidomide in quanto base trofica del loro sviluppo. Dopo la penetrazione il micelio del patogeno si sviluppa nella polpa delle drupe, determinandone una macchia circolare bruna del diametro di 3-6 mm, infossata con margini ben delimitati e con al centro numerosi puntini neri, picnidi, che costituiscono gli organi di diffusione della malattia. Il danno è costituito da questa caratteristica tacca bruna, infossata e suberificata, che deturpa completamente la drupa e nel caso di olive da mensa la rende non commercializzabile. La lotta va impostata essenzialmente su olive da mensa abbinando ai trattamenti contro la mosca prodotti a base di rame per prevenire l’introduzione del fungo nelle ferite.

Rogna (Pseudomonas savastanoi pv. savastanoi)

La rogna o tubercolosi, nota e diffusa malattia in tutti gli areali di coltivazione dell’olivo, è causata da un batterio che fa parte della popolazione microbica epifita che vive costantemente sulla vegetazione senza provocare alcun danno e che, quando trova le condizioni favorevoli, aggredisce la pianta producendo tumori essenzialmente su rametti e piccole branche oltre che su altri organi vegetativi. Fonte di maggiore diffusione dell’inoculo sono gli stessi tubercoli, in particolar modo quelli non ancora completamente lignificati, nei quali il batterio vive riproducendosi abbondantemente. Con la pioggia, i batteri si riversano sulla superfice dei tumori e vengono disseminati attraverso gocce d’acqua su altri siti della pianta o su altre piante. Non potendo introdursi direttamente nei tessuti dell’ospite, il patogeno, veicolato dall’acqua, si introduce attraverso soluzioni di continuità causate da vari fattori, tra cui eventi meteorici (freddo e grandine) e colturali (potatura, raccolta con bacchiatura). Notevole influenza nella promozione delle infezioni, rivestono le condizioni climatiche, che le favoriscono nel caso di elevata umidità atmosferica, prolungata bagnatura degli organi e temperature intorno ai 20-25 °C. I periodi di maggiore intensità per il determinarsi delle infezioni sono sia quelli autunno-invernali, quando la filloptosi (caduta naturale delle foglie) è più elevata e vi è maggiore presenza di cicatrici, sia quello primaverile, quando possono verificarsi gelate tardive. Nuove infezioni avvengono attraverso lesioni o ferite provocate da tagli di potatura, danni da gelo o da grandine, pratiche colturali e in particolare durante la raccolta. Infatti, effettuando la bacchiatura della chioma, anche in combinazione alla raccolta meccanica, si determina una notevole quantità di ferite pronte a essere infettate, specialmente se nei giorni successivi si verifica una pioggia. I batteri, dopo la penetrazione nell’interno della pianta, si accrescono formando delle colonie nei tessuti e stimolano gli stessi, in particolare quelli cambiali, alla formazione di cellule, determinando fenomeni di ipertrofia o iperplasia. Tali tessuti si rigonfiano e, lacerando quelli superficiali, erompono determinando i caratteristici tubercoli della rogna, che inizialmente di colore verde e lisci, poi di colore grigio, aumentano di dimensione, la loro superficie diviene rugosa e confluiscono fino a interessare l’intero ramo. Le infezioni di Pseudomonas savastanoi pv. savastanoi assumono, in relazione all’entità dell’attacco e dell’organo vegetativo colpito, diversa importanza economica, non quantificabile in quanto la pianta, pur debilitata, sopravvive all’aggressione del batterio. Nei casi di attacchi su giovani rametti o parti produttive della pianta si riscontra un accentuato disseccamento dei rami, riduzione di produzione e pezzatura più ridotta dei frutti. Se le infezioni si verificano in vivaio i danni sono più gravi, in quanto tale deterioramento non consente la commerciabilità delle piante. Il contenimento di questa malattia deve essere impostato essenzialmente attivando azioni preventive agronomiche, come l’impiego di cultivar meno suscettibili ed equilibrate pratiche colturali azioni fitoiatriche con disinfezione da adottare subito dopo le operazioni di potatura e in occasione di eventi meteorici avversi (freddo, grandine) che colpiscono nei momenti di attività vegetativa, operazioni di rimozione e bruciatura delle parti infette. Particolare cura va posta nei vivai, dove molta attenzione deve essere rivolta alla scelta del materiale di propagazione e nella disinfezione degli attrezzi. Dopo eventi imprevedibili come la grandine, o operazioni di raccolta con bacchiatura, è consigliabile effettuare, nel più breve tempo possibile, trattamenti con composti rameici, che per la loro azione batteriostatica riducono l’accesso del batterio nelle ferite.


Video: Impact of Allee effects on the establishment of biocontrol agents