Plants - How they are made and how they live

Plants - How they are made and how they live

PLANTS: HOW THEY LIVE AND HOW THEY ARE MADE

Plants, humans and animals more generally, like any other living organism, need energy to carry out any direct or indirect action. But not any source of energy: only the chemical energy contained in food, within their chemical bonds. In practice, we compare for example a sugar molecule to a bomb that contains a large amount of energy that only when it is broken or "blown up", releases all the energy it contains that is "captured" to be used for all metabolic activities . Let's see how plants get the energy and everything they need to live with chlorophyll photosynthesis, respiration and transpiration.

How plants live

How plants are made


What are plants made of?

What are the plants? Obviously, it focuses on how right it is care to be made to them for a satisfactory development, but it is seldom thought to approach them from the point of view of composition. Do we really know how they are made?

Plants are made up of different parts: let's see them together specifically.


Key difference: i Fungi are a group of single-celled or multinucleated organisms that live and grow in decomposed matter. Plants are multicellular living organisms that are part of the Kingdom of Plantae that are associated with having certain traits such as being multicellular, possessing cellulose and with the ability to carry out photosynthesis.

Plants and fungi play an important role in the survival of humans and other organisms on the planet. All living things have previously been classified into distinct kingdoms, including Kingdom Monera, Kingdom Fungi, Kingdom Protista, Kingdom Plantae, and Kingdom Animalia. Although mushrooms were originally grouped under the reign of Plantae, it was later classified under his reign due to its notable differences from plants. There are now six classified kingdoms that are featured in many botanical books in the United States. The additional kingdom is the Archaea Kingdom, which was previously classified with the Kingdom bacteria. Humans belong to the realm of Animalia. Fungi and plants are very different from each other.

Fungi are a group of single-celled or multinucleated organisms that live and grow in decomposed matter. They are also members of the Eukaryota domain, while they belong to the Fungi kingdom. Although they were originally placed in the kingdom of Plantae due to its resemblance to plants, it was classified into a separate kingdom when evidence showed that it resembled the kingdom of Animalia more than plants. Robert Whittaker is credited for proposing to create a separate kingdom for the organism. Fungi also include microorganisms such as molds and yeasts. The term mushrooms, singular: mushroom is adopted from the Latin word, "mushroom" which means "mushroom". The origin of this word comes from the Greek word, Greek word 'Sphongos', 'sponge'. Fungi can reproduce by various asexual and sexual methods. They are often divided into seven phyla based on their sexual reproductive structures: Microsporidia, Chytridiomycota, Blastocladiomycota, Neocallimastigomycota, Glomeromycota, Ascomycota, and Basidiomycota.

Before fungi split into its kingdom, it was considered similar to plants because they had a similar lifestyle both are immobile, both grow in the soil, and both have similarities in general morphology and growth habitat. Fungi are considered to be both symbiotic and parasitic in nature, where they thrive on other living objects. Fungi most commonly survive on other carbon-based life forms, such as plants, animals, insects, and humans. They are also able to decompose organic matter and take the necessary nutrients from the organic matter. They transform organic material into inorganic material and play a vital role in the cycling and exchange of nutrients. Mushrooms are also used as food for humans. Edible mushrooms include yeast, mushrooms, and truffles. They are also in the production of antibiotics, detergents and pesticides. Many mushrooms are also poisonous in nature. There are also rare mushrooms, called magic mushrooms, which have psychedelic properties and are used as recreational drugs.

Plants are multicellular living organisms that are part of the Kingdom of Plantae that are associated with having certain traits such as being multicellular, possessing cellulose and with the ability to carry out photosynthesis. Green plants are found in all habitats, including Antarctica. The kingdom of Plantae also includes other species such as flowering plants, conifers, ferns, mosses and green algae. Green plants are often associated with being able to produce their own energy using carbon dioxide, water and sunlight. This process is known as photosynthesis and uses chlorophyll, which results in the green color of plants. Thought that most plants are independent in nature, there are some plants that are parasitic. They are unable to produce normal amounts of chlorophyll or are able to photosynthesize. The exact number of plant species found on the planet is unknown however estimates suggest that there are over 300,000 to 315,000 plant species on the planet. Most of these are seed plants, plants that produce seeds. Plants can often be classified under cereals, fruits, vegetables, etc.

Plants play a huge role in supporting human society by producing food and timber. Plants play an important role in many cycles that occur on the planet, including the water cycle, nitrogen cycle, oxygen cycle, and other biogeochemical cycles. In the oxygen cycle, plants help create oxygen that humans depend on by absorbing carbon dioxide and producing oxygen. Plants reproduce using the sexual, asexual and spore dispersal method. The flowers are considered to be the sex organs of a plant, while the fruits develop from the ovaries and are used to spread the seeds. Plants have a symbiotic relationship with many organisms including humans, fungi and insects. The relationship with humans includes the spread of the plant's seeds, while some plants depend on fungi and other organisms to provide nutrients to it. Bees and birds help spread pollen in the flower.

Humans depend on plants and trees for many things including food, shelter, and other requirements. Plants, fruits and vegetables are used for food purposes, while wood has a variety of uses in construction, paper development, buildings, furniture, musical instruments, etc. Plants are also used to make clothes or synthetic fibers for clothing. Many plants are also used for medicinal purposes in Ayurvedic medicines. Other plant-derived products include soaps, paints, shampoos, perfumes, cosmetics, turpentine, gum, paint, lubricants, linoleum, plastics, inks, chewing gum, and hemp rope. It can also be used for scientific purposes such as carbon dating or tree rings can help determine the age of the tree and past climates.

In short, fungi and plants differ from each other in many ways. The cell walls of fungi are created from chitin, while the cell walls of plants are made of cellulose. Most plants are also capable of producing their own food and energy, while fungi depend on other organic substances to provide them with energy. Fungi are mostly parasitic in nature and plants are not parasitic. Mushrooms also lack chlorophyll, which means they don't photosynthesize. Most plants have roots that help them bond with the soil and pull nutrients and water to produce food. Fungi are generally linked to a network of wire-like substances which also helps them grasp organic material and harvest nutrients. Both also have different roles in nature, while plants are considered primary food producers, fungi are regarded as primary food decomposers that help conceal biomass.

Fungi are members of a large group of eukaryotic organisms that includes microorganisms such as yeasts and molds, as well as the more familiar fungi.

Plants are living organisms that are part of the kingdom of Plantae. They are often associated with being green and with leaves and stems. They can also bear fruit and flowers.


Index

  • 1 General characteristics
  • 2 Entrapment mechanisms
    • 2.1 Ascidian trap
    • 2.2 Sticky trap
    • 2.3 Snap trap
    • 2.4 Suction trap
    • 2.5 Trap trap
  • 3 Semi-carnivorous plants
  • 4 Systematics
  • 5 Evolution
  • 6 Ecology and carnivorous model
    • 6.1 Community of ascidia
  • 7 Playback
  • 8 Cultivation
  • 9 Influence in the media
    • 9.1 Narrative
    • 9.2 Cinema
    • 9.3 Other media
  • 10 Notes
  • 11 Bibliography
  • 12 Related items
  • 13 Other projects
  • 14 External links

Carnivorous plants are herbaceous plants, which in response to the lack of nutrients typical of their habitat, have adapted to obtain nutrients from the digestion of animal proteins. These are captured by means of efficient traps which generally derive from modified leaves.

The first to coin the term "carnivorous plant"was Francis Ernest Lloyd in 1942, [3] while before (and in some cases still today) the term of insectivorous plants. Since these plants not only feed on insects, but also on other arthropods or other small animals, it was considered more correct to use the term of carnivorous plants.

They live in extreme environments such as peat bogs and in acidic and calcium-free soils, with a very low concentration of nutrients such as nitrogen, phosphorus or potassium.

Carnivorous plants have rather small roots in relation to the size of the plants. This is due to the fact that the plant spends more energy on "building" traps and producing digestive enzymes, rather than increasing root biomass. In this way, the task of absorbing nitrogen and other nutrients is entrusted to the leaves rather than the roots.

They are generally perennials, although there are also annuals. Many live for only a few years, while others can form colonies by forming stolons.

They are weak competitors to other plants. If, for example, their habitat undergoes drastic changes, such as drying, they are promptly replaced by non-carnivorous plants, much more efficient in carrying out photosynthesis in "normal" environments than carnivores. [4]

Carnivorous plants have developed five different types of traps to capture the organisms they feed on. These are:

  • Ascidian traps: prey are trapped inside a jug-shaped leaf, containing digestive enzymes and / or bacteria
  • Adhesive traps: capture occurs through a sticky mucilage secreted by the leaves
  • Snap or leg traps: following the detection of a possible prey by means of sensitive parts, a rapid movement of the leaves immobilizes it inside them
  • Suction traps: the prey is sucked into a bladder-like structure, the utricle, inside which a pressure vacuum is generated
  • Trap traps: they have hairs that forcefully direct the prey inside the digestive organ.

These traps can also be classified as active or passive, based on the participation of the plant in the capture. For example, the plants of Triphyophyllum show a passive sticky trap, which secretes mucilage but is not accompanied by movement or development of the leaves in response to prey capture. On the contrary, the sticky traps of plants of the genus Drosera, are considered active due to the presence of leaves which, with a rapid cell growth, envelop the prey favoring its digestion.

It is interesting to note that the different types of traps are specialized in the capture of different types of prey: the plants with sticky traps capture small flying insects, those with an ascidian trap are able to prey on larger flying insects, while the leg trap it is suitable for capturing relatively large soil insects. [5]

Ascidian trap Edit

These types of traps have evolved independently on at least four occasions. The simplest are probably such Heliamphora: in these plants the traps are clearly the result of a modification of the leaves that have undergone a rolling up with welding between the margins.

These plants are native to South American areas with intense precipitation and, consequently, they must ensure that the ascidium is not overfilled by rainwater. To solve the problem, natural selection has favored the evolution of a drain, similar to that of a sink: a small gap between the hinged leaf margins that allows excess water to flow out of the ascidium.

Heliamphora is a member of the Sarraceniaceae, a New World family to which two other genera of carnivorous plants belong: Sarracenia, endemic to Florida, e Darlingtonia, originally from California. There Sarracenia purpurea subsp. purpurea it has a wider distribution, reaching as far as Canada.

In the genre Sarracenia, the problem of the excessive filling of the ascidium is solved by means of the presence of an operculum: an expansion of the leaf that covers the opening of the tube, protecting it from rain. Probably because of this better shelter from the water, the species of Sarracenia are able to secrete enzymes, such as proteases and phosphatases, into the digestive fluid in the bottom of the ascidium, while the Heliamphora they rely only on bacterial digestion. These enzymes digest the proteins and nucleic acids of the prey, releasing amino acids and phosphate ions, which are absorbed by the plant.

The cobra plant (Darlingtonia californica) has an adaptation also present in the Sarracenia psittacina and to a lesser extent also in the Sarracenia minor: the operculum is a swelling that partially closes the opening of the ascidium. Its cavity is propped up by areoles which, devoid of chlorophyll, allow light to penetrate inside the tube. By crossing the opening in the lower region of the operculum, insects (in particular ants), once inside, try to escape using this false exit, until they fall into the digestive tract. Also some young seedlings of Sarracenia have a long and protruding operculum it is therefore believed that the Darlingtonia represent a case of neoteny.

The second largest group of ascidian plants is represented by the genus Nepenthes, whose about 100 species possess ascidia supported by the final part of a tendril which develops as an extension of the main leaf vein. Many species hunt insects, although the largest, and in particular the Nepenthes rajah, occasionally capture small mammals and reptiles. [6] These containers represent in fact an attractive source of food for small insectivores. [7] To avoid accidental capture the Nepenthes bicalcarata it has two sharp spines which it projects from the base of the operculum towards the entrance of the ascidian and with which it tries to protect itself from the incursions of these mammals. This thesis, however, is not accepted by all researchers. [8]

Ascidian traps have evolved in at least two other groups. Cephalotus follicularis is a small carnivorous plant from Western Australia with a moccasin-shaped ascidian. In this species the peristome, the edge that borders the opening of the ascidium, is particularly pronounced, secretes nectar and is provided with thorny protrusions in the opening which prevent the trapped insects from escaping. The wall of many plants with ascidia is covered by a waxy layer, slippery for insects that are often attracted by the nectar secreted by the peristome and by the bright anthocyanin color, similar to that of the flowers. [7] In the Sarracenia flava, the nectar is corrected with conin, a toxic alkaloid also present in hemlock, which probably increases the efficiency of the trap by intoxicating the prey itself. [9]

Another carnivore with an ascidian trap is the Brocchinia reducta. This bromeliad has, like pineapple, an urn made up of waxy leaves tightly joined at the base. In many bromeliads, the water penetrates and stagnates inside the urn which becomes a habitat for frogs, insects and nitrogen-fixing bacteria of great importance for the plant. In Brocchinia, the urn has specialized as an insect trap, containing a population of digestive bacteria and a waxy inner lining.

Sticky Trap Edit

Adhesive traps are those in which the entrapment mechanism is based on the sticky properties of a mucilage secreted by special glands present in the leaves. These glands can be small and virtually invisible to the naked eye (such as those of the genus Pinguicula) or long and, in some cases, mobile (as in the genre Drosera). Sticky traps have evolved independently at least five times in the various plants that possess them.

In the genre Pinguicula, the glands are short and sessile. The shiny leaves do not make these plants appear particularly carnivorous, but they are actually extremely effective traps for catching small flying insects (such as mushroom flies), responding to capture with relatively rapid growth. This tigmotropic development can produce a rolling up of the leaf blade (to prevent rain from sliding the prey off the leaf surface) or a sinking of the surface under the prey (to form a shallow digestive pit).

The genre Drosera it includes over 100 species with active sticky traps, whose glands are placed at the ends of long tentacles that move fairly quickly in response to prey capture. The tentacles of Drosera burmannii they are able to bend 180º in almost only a minute. The Drosera they are extremely cosmopolitan and have been found on all continents, with the exception of Antarctica. Three species live in Italy, D. rotundifolia, D. intermedia is D. anglica, more easily traceable in the Alpine or pre-Alpine arc. [10] Their greatest diversity is found in Australia, home to the large subgroup of pygmy sundews, such as Drosera pygmaea, and of tuberous species such as Drosera peltata, which forms tubers to survive the hot and dry summer months. These species are highly dependent on the nitrogen source represented by insects and generally lack those enzymes, such as nitrate reductase, required by plants to transform soil nitrogen into an assimilable organic form.

Similar to Drosera is the kind Drosophyllum, which differs in the passive mode of capture: leaves are unable to move quickly or grow in response to entrapment. Similar in behavior, but not related to Drosophyllum, are the plants of the genus Byblis. Drosophyllum it can be considered an exception among carnivorous plants as it grows in almost desert conditions, while all the others are typical of swamps or tropical areas.

Molecular data based in particular on the production of plumbagin indicate that the Triphyophyllum peltatum, another sticky trap carnivore of the Dioncophyllaceae family, is closely related to Drosophyllum, with which it forms part of a large clade of carnivorous and non-carnivorous plants, to which Droseraceae, Nepenthaceae, Ancistrocladaceae and Plumbaginaceae belong. [11] This plant is usually considered a liana, but in its juvenile phase it has carnivorous habits due, it is thought, to a specific demand for essential nutrients for its flowering.

Snap trap Edit

It is probably the most spectacular mechanism, as it is one of the rare cases in which a vegetable is able to make such rapid movements that it looks more like an animal. The characteristic shape of the leaves (similar to a mouth bristling with sharp teeth) then contributes to making the effect even more striking. There are two types of snap traps, each present in a single species: the venus flytrap (Dionaea muscipula) and aldrovanda (Aldrovanda vesiculosa).

Aldrovanda is an aquatic plant specialized in capturing small invertebrates. Dionaea, on the other hand, is terrestrial and hunts mainly flies and other flying insects. The traps are very similar: they have leaves whose terminal region is divided into two lobes, hinged along the central rib. Inside there are trigger hairs that are sensitive to touch (three on each lobe in the case of the Dionaea, many more in the case of the Aldrovanda). When the hairs are folded, they cause the ion channels in the membranes of the cells at their base to open, generating an action potential that propagates to the cells of the midrib. [12] These cells respond by pumping potassium ions into the extra-cellular environment. This can cause water loss, which escapes by osmosis, causing the rib cells to collapse, or it can lead to rapid acid growth. [13] The question of what the mechanism of action is is still much debated, but in any case the result is that the lobes, which are kept under pressure, snap shut. [12] This process takes about a second (much less if the plant is in good condition).

In venus flytrap, futile closures (in response to raindrops or falling debris) are prevented by a simple memory possessed by the leaves: in fact, two stimuli spaced between 0.5 and 30 seconds are required to close. It is also necessary that the stimulation continues even after the closure of the leaf for digestion to begin, otherwise the leaf reopens after a few hours (about a day). Continuous stresses of the traps lead to the decay of the plant, therefore its stimulation is not recommended.

The snap of the leaves is a typical case of tigmonastia, an indirect movement caused by the variation in the turgor of the cells in response to a tactile stimulus. The further stimulation of the internal surfaces of the lobes, generated by the struggle of the insect, causes these to close more and more to envelop the prey (tigmotropism). By sealing hermetically, the lobes form a kind of stomach in which digestion takes place, which lasts from one to two weeks. The leaves can be reused three or four times before they become numb to stimulation and die.

Suction trap Edit

Suction traps are unique to the genre Utricularia. These plants have often underground, sac-shaped vesicles called utricles, which by pumping ions outwards, cause a water leakage by osmosis and the consequent creation of a partial vacuum inside them. The utricle has a small opening hermetically sealed by a door. In aquatic species, the gate is equipped with a pair of long triggering hairs. Aquatic invertebrates (such as water fleas, Daphnia sp.) that touch these hairs cause the door to open inwards. The release of the vacuum generates a suction that sucks the water and prey inside the vesicle, where digestion then takes place. The size of the utricles varies from 1 to 4 mm.

Many species of Utricularia - like theU. sandersonii - they are terrestrial and grow on sodden soils their entrapment mechanisms are activated in a slightly different way. The utricularie are rootless, although terrestrial species possess anchoring stems that remind them. The species living in temperate waters produce buds which, during the cold winter months, detach from the plant with its death and remain dormant until the arrival of spring. L'U. macrorhiza growing it adjusts the number of vesicles according to the type of nutrient predominant in its habitat.

Trap trap Edit

The pot traps are typical of Genlisea, the corkscrew plants. In these plants, which appear to specialize in capturing aquatic protozoa, a modified "Y" -shaped leaf allows prey to enter, but not exit.

This happens thanks to the presence of hairs directed inwards that force the prey to move in a particular direction. Entering the spiral opening that winds around the two upper arms of the Y, the prey are forced to inexorably reach the "stomach", the digestive system located in the lower arm of the Y. It is thought that the movement of the prey is also favored by the water flowing through the trap, producing a suction similar to that generated by the vesicles of the Utricolarie. Probably these two types of traps are evolutionarily related.

Structures similar to this type of trap can be found in Sarracenia psittacina is Darlingtonia californica.

To be considered a complete carnivore, a plant must be able to attract, kill and digest prey, [14] benefiting from the absorption of digestive products (particularly amino acids and nitrogen). There are, therefore, different degrees of carnivorousness: from plants non-carnivorous, to semi-carnivorous, up to the real carnivores, including both those with simple and non-specialized traps, as in Heliamphora, and those with complex and evolved mechanisms, found for example in the venus flytrap.

Semi-carnivorous plants of particular interest are the Roridula is Catopsis berteroniana the latter is a bromeliad like the Brocchinia, but while this is capable of producing phosphatase, the C. bertoroniana it is not able to synthesize any type of digestive enzyme [15] (the preys slide inside the urns owned by these plants and are digested by the bacteria present inside them).

The Roridula they exhibit an intricate relationship with their prey. Similarly to Drosera, plants of this genus have sticky leaves with mucilage-secreting glands, but do not directly benefit from the captured insect. In fact, thanks to a mutualistic symbiosis with predatory bugs (Miridae: Pameridea), which feed on the trapped insects, the plant absorbs the nutrients derived from their excrement. [16]

Some species of Martyniaceae (formerly Pedaliaceae), such asIbicella lutea, have sticky leaves that trap insects but they have not been shown to be carnivorous. [17] Similarly, the seeds of the "shepherd's purse" (Capsella bursa-pastoris), the urns of the Paepalanthus bromelioides, the bracts of the Passiflora foetida and the stems of the inflorescences and the sepals of Stylidium spp. [18] appear to capture and kill prey, but their classification as carnivorous is still under discussion.

The production of specific digestive enzymes (protease, phosphatase, ribonuclease, etc.) is sometimes used as a diagnostic criterion for carnivorousness. However, this method would exclude some genres such as Byblis, Heliamphora [19] e Darlingtonia, [20] generally accepted as carnivores, but which actually exhibit a symbiosis with bacteria equipped with enzymes useful for the digestion of prey. The debate on the definition based on enzymatic activity opens up a question concerning the RoridulaThere are no clear reasons why a plant with symbiotic bacteria that, following capture, benefits from them can be considered carnivorous, while the possession of symbiont insects excludes this possibility.

The scientific classification of carnivorous plants, and in general of all flowering plants, is constantly evolving.

In the Cronquist system, the Droseraceae and Nepenthaceae families are included in the order Nepenthales, based on the radial symmetry of their flowers and the type of insect trap. The Sarraceniaceae family is also placed in this order.
The Byblidaceae, Cephalotaceae and Roridulaceae belong to the order Saxifragales while the Lentibulariaceae to the Scrophulariales.

With modern classifications, such as that of the Angiosperm Phylogeny Group, the families to which carnivorous plants belong have remained the same but have undergone a redistribution within the various orders. the genre Drosophyllum it is considered to belong to a monotypic family, the Drosophyllaceae, which differs from the Droseraceae and which is probably more closely related to the Dioncophyllaceae.

Below is an updated classification of genera that include both carnivorous and semi-carnivorous plants:

The reconstruction of the evolution of carnivorous plants is difficult due to the scarcity of fossil finds. Very few artifacts have been found, mostly consisting of seeds or pollen. This is due to the fact that carnivorous plants are herbaceous, so they do not have easily fossilized structures such as bark or wood. In any case, the traps would not have survived anyway.
Some indications on the evolutionary adaptations of these plants can be deduced from the structure of the current traps.

Ascidian traps are evidently derived from rolled leaves. The vascular tissues of the Sarracenia they demonstrate it quite clearly: the "keel" that runs along the front of the trap is formed by a series of vascular bundles, facing right and left, as predicted by the fusion of the leaf margin. Sticky traps also show a simple evolutionary gradient ranging from non-carnivorous sticky leaves, through the passive sticky stage to active forms. Molecular data show that the clade Dionaea-Aldrovanda is closely related to Drosera, [21] ma le trappole possedute dai due generi sono così diverse che la supposizione che le trappole a scatto derivino da trappole adesive dotate di veloce motilità e quindi non più dipendenti dal meccanismo della adesività è dibattuta.

Esistono oltre 250 000 - specie di Angiosperme, ma di queste solo circa 600 sono considerate carnivore. Le vere carnivore si sono probabilmente evolute in modo indipendente almeno in dieci occasioni tuttavia, alcuni di questi gruppi indipendenti sembrano discendere da un recente progenitore comune con predisposizione alla carnivorosità. Alcuni gruppi (Ericales e Caryophyllales) sembrano essere un terreno particolarmente fertile per lo sviluppo di adattamenti carnivori, sebbene nel caso delle Ericales questo potrebbe essere dovuto all'ecologia del gruppo piuttosto che alla sua morfologia, dal momento che la maggior parte delle specie di Ericali crescono in habitat a basso contenuto di nutrienti, come le brughiere e le paludi.

Si presume che tutte le varie tipologie di trappole siano modificazioni di una struttura di base simile: [22] le foglie ricoperte di peli. Queste (o meglio le ghiandole pilifere) sono idonee alla cattura ed al trattenimento delle gocce di pioggia nelle quali possono proliferare dei batteri. Gli insetti che atterrano sulla foglia possono impantanarsi a causa della tensione superficiale dell'acqua, e così soffocare. I batteri, iniziando un processo di decomposizione, rilasciano i nutrienti derivati dalla carcassa, che la pianta riesce ad assorbire tramite le sue foglie. Questa nutrizione fogliare può essere osservata in molte piante non-carnivore. Negli ambienti poveri di nutrienti, le piante che mostrarono una migliore capacità di intrappolamento di insetti o d'acqua, ebbero un vantaggio selettivo poiché hanno avuto accesso a più nutrienti rispetto alle piante con minore efficienza. L'acqua piovana può essere raccolta nelle concavità delle foglie, e ciò può aver portato alla comparsa delle trappole ad ascidio. In alternativa, gli insetti possono essere catturati da foglie adesive producenti mucillagine, che portarono alla formazione delle trappole a "carta moschicida".

È possibile che le trappole ad ascidio si siano evolute semplicemente attraverso una pressione selettiva che ha causato un aumento della depressione nelle foglie concave, seguita dalla saldatura dei margini e dalla conseguente perdita dei peli ad eccezione del fondo, dove impediscono alla preda di risalire in superficie.

Le trappole a nassa della Genlisea possono essere considerate ascidi costituiti da una foglia a forma di Y, che successivamente si sono specializzati per impedire l'uscita della preda dalla struttura oppure possono essere considerate delle trappole ad aspirazione in cui le protrusioni che guidano la preda formano qualcosa di più efficace rispetto alle reti ad "imbuto" ritrovate in molte utricolarie acquatiche. Qualunque sia la sua origine, la forma elicoidale della trappola è un adattamento che porta sia ad un aumento della superficie di intrappolamento, sia alla possibilità di cattura in tutte le direzioni quando la pianta cresce sepolta dal muschio.

L'origine delle trappole ad aspirazione è più difficile da spiegare. Esse potrebbero essere derivate da ascidi che, venendo sommersi, si sono specializzati per la cattura di prede acquatiche, come fa attualmente la Sarracenia psittacina. Negli ascidi subaerei le prede possono scappare dalla trappola volando o arrampicandosi ma ciò viene spesso impedito dalla presenza di cera sulla superficie interna della trappola e dai tubi stretti. Una trappola acquatica potrebbe aver portato, come in Utricularia, allo sviluppo di un coperchio formante la porta di una proto-vescicola. In seguito, questa divenne attiva con l'evoluzione di un vuoto parziale al suo interno, che si libera grazie al contatto della preda con i peli innescanti posti sulla porta della vescicola.

A livello evolutivo, le trappole adesive includono anche le trappole a scatto dell'Aldrovanda e della Dionaea. La produzione di mucillagine collosa è presente in molti generi non-carnivori, cosicché non è difficile capire come si siano evolute le trappole passive in Byblis is Drosophyllum.

Le trappole attive richiedono una maggiore spiegazione. I rapidi movimenti delle foglie possono essere causati da una rapida crescita o da un cambiamento di turgore nelle cellule, che ne causa l'espansione o la contrazione per la veloce alterazione del loro contenuto d'acqua. Le trappole a lento movimento, come quelle di Pinguicula sfruttano la crescita rapida, mentre Dionea utilizza il cambiamento di turgore cellulare, che è così rapido che la sostanza adesiva è divenuta superflua e quindi non viene più prodotta. Inoltre le ghiandole per la produzione della colla (così evidenti in Drosera) si sono tramutate nei denti e nei peli innescanti della trappola a "tagliola" un esempio di come la selezione naturale possa trasformare le strutture preesistenti per adibirle a nuove funzioni.

Recenti analisi tassonomiche delle relazioni tra le Caryophyllales indicano che le Droseraceae, Triphyophyllum, Nepenthaceae e Drosophyllum, taxa strettamente imparentati, sono parte di un ampio clade che include gruppi non-carnivori quali Tamarix, Ancistrocladaceae, Polygonaceae e Plumbaginaceae. [23] È interessante notare che le foglie del Tamarix, così come quelle di parecchie Plumbaginaceae (p.es. Limonium), possiedono ghiandole specializzate nella secrezione di sali, che possono essere state cooptate per la secrezione di altre sostanze quali proteasi e mucillagini. Alcune delle Plumbaginaceae (p.es. Ceratostigma) presentano sullo stelo anche delle ghiandole vascolarizzate che secernono mucillagine sul calice e sono d'aiuto per la disseminazione e per la protezione dei fiori dall'attacco di insetti parassiti. Anche le Balsaminaceae (come il genere Impatiens), molto affini alle Sarraceniaceae ed alle Roridula, presentano sullo stelo delle ghiandole simili, che sembrano omologhe ai tentacoli di molti generi di piante carnivore. È quindi probabile che la carnivorosità si sia evoluta da una funzione protettiva più che direttamente da una nutrizionale.

Le uniche trappole che si discostano dalla discendenza da foglie pelose o strutture affini, sono quelle delle bromeliacee carnivore (Brocchinia is Catopsis). Queste piante hanno utilizzato le loro urne, parti fondamentali della struttura di una bromeliacea, per un nuovo scopo, affidandosi alla produzione di cera e di altre "armi" tipiche delle carnivore.

Le piante carnivore per quanto molto diffuse sono abbastanza rare. Si trovano quasi esclusivamente in habitat quali paludi e torbiere, dove i nutrienti del suolo sono estremamente limitanti mentre luce solare e acqua sono facilmente disponibili. Solo in tali estreme condizioni lo sviluppo di attitudini carnivore risulta favorito al punto da renderne ovvio l'adattamento.

La carnivora archetipica, la venus acchiappamosche, cresce in condizioni ambientali estreme. Il suolo nel quale si sviluppa contiene livelli di azoto e calcio molto bassi rispetto al normale. [24] Ciò costituisce un problema perché l'azoto è essenziale per la sintesi proteica ed il calcio per irrigidire la parete cellulare. [25] Risultano bassi anche i livelli di fosfato, utile per la sintesi degli acidi nucleici, e di ferro, per la produzione della clorofilla. Il suolo inoltre spesso è saturo d'acqua e ciò favorisce la formazione di ioni tossici, come l'ammonio (NH4 + ), e rende il pH abbastanza acido, da 4 a 5. Lo ione ammonio, se presente a basse concentrazioni può essere utilizzato dalla pianta come fonte di azoto, ma ad alte concentrazioni diventa tossico e può causare dei danni.

L'habitat delle piante carnivore è caldo, soleggiato e costantemente umido in esso la pianta entra in una relativamente piccola competizione con la bassa copertura prodotta dal muschio del genere Sphagnum.

Sebbene questo tipo di habitat sia tipico della maggior parte delle piante carnivore, tanto che queste hanno la popolare reputazione di essere piante di palude, esistono alcune carnivore che vivono in ambienti atipici. Drosophyllum lusitanicum, per esempio, vive nelle aree marginali attorno al deserto, mentre la Pinguicula vallisneriifolia è comune nei dirupi calcarei. [26]

Nel 1984 J. Givnish et alii, studiando la Brocchinia reducta, proposero un modello basato sull'analisi costi/benefici che spiegasse perché le carnivore siano così spesso ristrette ai siti fradici, soleggiati e poveri di nutrienti e siano invece così rare in altri ambienti meno stressanti. [27]

In tutti i casi studiati, la carnivorosità permette alle piante di accrescersi e di riprodursi utilizzando gli animali come fonte di azoto, fosforo e (possibilmente) potassio, quando le fonti usuali presenti nel suolo sono scarse o assenti. [28] [29] [30] Esistono comunque diversi gradi di dipendenza dalla preda animale. Le drosere pigmee non sono capaci di usare i nitrati del suolo perché sono prive degli enzimi necessari (in particolare la nitrato reduttasi) e così dipendono quasi interamente dalla cattura della preda. [31] Pinguicula vulgaris riesce a sfruttare le fonti inorganiche d'azoto meglio di quelle organiche, ma una miscela di entrambe porta ad una crescita migliore di quella che potrebbe avvenire adoperandone una sola. [28] Le utricularie europee sembrano in grado di utilizzare in uguale misura entrambe le fonti. Le prede animali, quindi, suppliscono alla carenza di nutrienti nel suolo, ma in misura differente nelle differenti specie.

In generale, le piante usano le loro foglie per intercettare la luce solare. L'energia luminosa serve per ridurre l'anidride carbonica dell'aria attraverso gli elettroni dei legami chimici dell'acqua, producendo zuccheri (ed altra fitomassa) e liberando ossigeno durante il processo di fotosintesi. Nelle foglie avviene anche la respirazione cellulare, necessaria per la produzione di energia chimica, derivata dalla degradazione della fitomassa. Questa energia, accumulata temporaneamente sotto forma di ATP, è indispensabile per far avvenire quelle reazioni metaboliche che sono alla base della vita delle cellule di tutti gli esseri viventi. La respirazione cellulare ha come prodotto finale la CO2, che viene immessa nell'atmosfera.

Affinché possa crescere, è necessario che la pianta fotosintetizzi più di ciò che consuma con la respirazione. Infatti, se avvenisse il contrario, la pianta degraderebbe gradualmente la sua biomassa fino a morire. Il potenziale di crescita di una pianta è quindi dato dal valore netto della fotosintesi, uguale alla biomassa totale acquisita con la fotosintesi meno la biomassa consunta dai processi respiratori. Un'attenta analisi del rapporto costo-beneficio è importante per capire e spiegare la carnivorosità delle piante. [32]

Nelle piante carnivore, le foglie non sono usate solo per la fotosintesi, ma anche come trappole. Sfortunatamente, cambiando la forma della foglia per ottenere una trappola migliore, viene diminuita l'efficienza fotosintetica (per esempio, gli ascidi tendono ad essere eretti verticalmente e solo l'opercolo può intercettare direttamente la luce).
La pianta deve spendere energia supplementare anche per la formazione di strutture non-fotosintetiche come ghiandole, peli, sostanze adesive e per la produzione di enzimi digestivi. La fonte di energia adoperata è sempre l'ATP e ciò implica un aumento della respirazione cellulare rispetto alla sua biomassa. Quindi, una pianta carnivora dovrà diminuire la fotosintesi ed incrementare la respirazione, ottenendo un potenziale di crescita basso a causa degli alti costi richiesti dalla carnivorosità.

Il vantaggio della carnivorosità consiste nell'essere in grado di sfruttare l'azoto e il fosforo presenti nelle prede e consentire quindi alla pianta di crescere meglio sui terreni poveri di queste sostanze. In particolare un apporto supplementare di azoto e fosforo rende la fotosintesi più efficiente, in quanto essa dipende dalla capacità della pianta di sintetizzare grandi quantità dell'enzima ricco di azoto rubisco (ribulosio-1,5-difosfato carbossilasi/ossigenasi), che è la proteina più abbondante sulla terra.

È intuitivamente chiaro che la Dionea è più carnivora rispetto alla Triphyophyllum peltatum: la prima possiede una trappola a scatto attiva a tempo pieno, la seconda presenta una trappola adesiva passiva part-time. L'energia spesa per la costruzione ed il mantenimento della propria trappola è una misura idonea per calcolare la carnivorosità della pianta.

Usando questa misura dell'investimento in carnivorosità si può ipotizzare un modello. Nella figura 1 è mostrato il grafico dell'assorbimento di anidride carbonica (potenziale di crescita) in rapporto alla respirazione della trappola (investimento in carnivorosità) per una foglia in un terreno soleggiato e che non contiene alcun elemento nutritivo.

La respirazione si presenta come una linea retta che scende al di sotto dell'asse orizzontale (produzione di anidride carbonica). La fotosintesi lorda è una linea curva al di sopra dell'asse orizzontale: all'aumentare dell'investimento aumenta la fotosintesi della trappola, dal momento che la foglia riceve un maggior apporto di azoto e fosforo.

Comunque questo vantaggio non dura per sempre. In realtà altri fattori (come l'intensità della luce o la concentrazione di anidride carbonica) possono risultare più limitanti per la fotosintesi di quanto non lo sia l'apporto di azoto e fosforo. Ne consegue che un ulteriore incremento dell'investimento in carnivorosità non si tradurrà in una migliore crescita della pianta. Affinché la pianta sopravviva l'assorbimento netto dell'anidride carbonica, e quindi il potenziale di crescita della pianta, deve essere positivo. C'è un ampio margine di investimento in cui ciò avviene, con un optimum diverso da zero. Le piante che investono più o meno di questo optimum assumeranno una quota di anidride carbonica maggiore o minore di quella della ipotetica pianta ottimale, e quindi cresceranno meno bene. Queste piante andranno incontro ad uno svantaggio selettivo. Con un investimento nullo in carnivorosità anche la crescita sarà nulla, poiché una pianta non-carnivora non potrà sopravvivere in un habitat dove il suolo è assolutamente privo di nutrienti. In natura, però, nessun habitat è così stressante, così anche alcune piante non-carnivore possono vivere in alcuni habitat propri delle carnivore. In particolare, lo Sphagnum è in grado di assorbire in maniera molto efficiente le piccole quantità di nitrati e fosfati presenti nella pioggia, e stabilisce inoltre rapporti simbiotici con i cianobatteri azotofissatori.

In un habitat con abbondanti nutrienti ma poca luce (figura 2), la curva della fotosintesi lorda sarà più bassa e più piatta, perché la luce sarà più limitante dei nutrienti. Una pianta può crescere ad investimento zero in carnivorosità inoltre, questo è anche l'optimum d'investimento per la pianta perché ogni impiego d'energia per la formazione di trappole riduce il valore di fotosintesi netta e quindi la crescita della pianta, rispetto ad una che ottiene i suoi nutrienti soltanto dal suolo.

Le piante carnivore si collocano tra questi due estremi: in ambienti in cui la luce e l'acqua sono fattori poco limitanti e dove al contempo i nutrienti presenti nel suolo risultano più limitanti, l'optimum di investimento in carnivorosità sarà più alto, e quindi l'adattamento carnivoro sarà più vantaggioso.

La maggiore evidenza per questo modello è data dal fatto che le piante carnivore tendono a svilupparsi in habitat dove acqua e luce sono abbondanti e dove la competizione è relativamente bassa: la tipica zona paludosa. Le carnivore che crescono in altri habitat richiedono maggiori garanzie per sopravvivere: il Drosophyllum lusitanicum cresce in condizioni di scarsità d'acqua, ma esige molta più luce e minore competizione della maggior parte delle altre piante carnivore. There Pinguicula valisneriifolia cresce su terreni con alti livelli di calcio, ma richiede una forte illuminazione e una minore competizione rispetto alla maggior parte delle altre pinguicule.

In generale, le piante carnivore sono scarsamente competitive, perché investono troppo pesantemente in strutture che non risultano vantaggiose in habitat ricchi di nutrienti. Esse sopravvivono perché sono in grado di sottoporsi a stress nutrizionali molto più alti rispetto alle non-carnivore: hanno successo dove altre piante falliscono. Infatti, le carnivore stanno ai nutrienti come i cactus stanno all'acqua. La carnivorosità risulta vantaggiosa solo quando lo stress nutritivo è molto alto e la luce è abbondante. [33] Quando queste condizioni non si verificano, alcune piante sono in grado di fare temporaneamente a meno della carnivorosità. È il caso di alcune specie di Sarracenia che in inverno producono foglie piatte, non carnivore, dette filloidi. In questa stagione infatti i livelli di luce sono più bassi rispetto all'estate e quindi la luce risulta più limitante dei nutrienti, il che rende la carnivorosità meno vantaggiosa. La mancanza di insetti per le basse temperature accentua inoltre il problema. Qualsiasi danno accada ai nuovi ascidi in via di formazione può impedirne la continuazione dello sviluppo, favorendo invece la produzione di filloidi da parte della pianta: la produzione di una trappola difettosa e inefficiente non vale l'energia impiegata per costruirla.

Molte altre carnivore vanno in dormienza in alcune stagioni: le drosere tuberose si tramutano in tubero durante la stagione secca le utricularie producono delle gemme invernali (turioni) e foglie non-carnivore vengono generate da molte pinguicule e dal Cephalotus follicularis nella stagione meno favorevole. Utricularia macrorhiza regola la produzione delle trappole in base alle condizioni chimiche dell'acqua ed all'abbondanza stagionale delle sue prede. [34] La carnivorosità part-time nella Triphyophyllum peltatum è dovuta ad un inusuale alto fabbisogno di potassio in un determinato momento del ciclo vitale della pianta, poco prima della fioritura.

Più una pianta è carnivora, più è probabile che il suo habitat sia convenzionale. There Venus acchiappamosche vive in un habitat molto stereotipato e specializzato, laddove piante meno carnivore (Byblis, Pinguicula) si trovano in habitat più inusuali (cioè quelli tipici per le non-carnivore). Byblis is Drosophyllum provengono entrambe da regioni relativamente aride e sono entrambe delle carnivore passive, possedendo palesemente le forme di trappola a più basso mantenimento. La Dionea filtra le proprie prede usando i dentelli sul bordo della trappola, per non sprecare più energia nel digerire di quella restituita dal contenuto calorico delle prede. In ogni situazione evolutiva essere il più pigri possibile paga, perché l'energia può essere investita nella riproduzione, e per quanto concerne l'evoluzione della specie, ai benefici a breve termine nella riproduzione sopravanzeranno sempre benefici a lungo termine in qualsiasi altro campo.

La carnivorosità paga molto raramente: perfino le stesse piante carnivore la evitano quando la luce è poco intensa o quando vi sono fonti più facili di nutrienti, usando così le caratteristiche carnivore solo se sono richieste in un determinato periodo o solo per la cattura di una preda particolare. In natura si hanno pochissimi habitat così stressanti da indurre l'assimilazione della biomassa tramite la creazione di peli ghiandolari e specifici enzimi. Molte piante beneficiano occasionalmente delle proteine animali in decomposizione sulle foglie, ma è raro che tale comportamento carnivoro sia notato da un osservatore casuale.

Le bromeliacee mostrano molto bene dei pre-adattamenti alla carnivorosità comunque, solo una o due specie possono venire classificate come vere carnivore. La maggior parte delle bromeliadi sono epifite, e la maggior parte delle epifite cresce parzialmente all'ombra sui rami degli alberi. È da notare che la Brocchinia reducta si accresce invece sul terreno. Per la loro forma ad urna, le bromeliacee trarrebbero un gran beneficio dai nutrienti derivati dall'ingresso delle prede al loro interno. In questo senso, molte bromeliacee sono delle probabili carnivore, ma i loro habitat sono troppo bui affinché si possano evolvere i riconoscibili caratteri carnivori.

Comunità degli ascidi Modifica

Sebbene gli ascidi servano per la cattura e la digestione delle prede, in essi si possono sviluppare delle comunità costituite principalmente da larve di ditteri, ragni, formiche ed acari.

Nel 1992 fu condotto uno studio sulle comunità presenti all'interno degli ascidi di Nepenthes ampullaria che dimostrò l'esistenza di una complessa catena alimentare, in cui sono presenti diversi livelli trofici. Sono infatti presenti organismi saprofagi, filtratori, detritivori e predatori e ogni gruppo è rappresentato da più specie. [35]

All'interno delle trappole delle Nepenthes sono presenti degli organismi, detti nepenthebionti, che sono totalmente dipendenti dagli ascidi in almeno uno stadio della loro vita. Si tratta principalmente di larve di ditteri, tra cui Culex rajah is Toxorhynchites rajah, il cui nome specifico è dovuto al fatto che essi si ritrovano solo all'interno degli ascidi di N. rajah. [36]

Le relazioni tra questi organismi e la pianta non sono ancora del tutto note. Non è chiaro se vi sia un semplice rapporto di commensalismo o se esistano dei rapporti mutualistici. [37]

Come tutte le piante, anche le carnivore possono riprodursi sia sessualmente sia asessualmente.

La riproduzione asessuata avviene mediante la produzione di gemme o tramite la divisione dei rizomi.

La riproduzione sessuata avviene mediante la formazione di fiori, che una volta fecondati origineranno i semi. Alcune specie sono ermafrodite, essendo presenti nel loro fiore sia stami sia pistilli, mentre altre sono dioiche, quindi esistono piante maschili e piante femminili. In alcune specie, come in D. capensis, è possibile l'autofecondazione, ma nella maggior parte delle piante essa è impedita da meccanismi diversi.

Poiché nella maggior parte delle piante carnivore l'impollinazione è affidata agli insetti, esse hanno dovuto sviluppare dei sistemi che impedissero l'uccisione degli impollinatori. Nelle sarracenie il fiore si sviluppa prima che vengano prodotti i nuovi ascidi dopo il riposo invernale, mentre in Dionaea il fiore si trova all'apice di un lungo stelo che lo allontana dalle trappole, la cui produzione viene interrotta durante la fioritura. Altre piante producono dei fiori i cui colori o il cui profumo attirano degli insetti di dimensioni tali da non poter essere catturati. [38]

Sebbene le diverse specie di piante carnivore abbiano differenti richieste in termini di esposizione, umidità, terreno etc., esse condividono alcune caratteristiche comuni.

La maggior parte delle carnivore richiede acqua piovana, o acqua distillata o deionizzata per osmosi inversa. [24]

Le acque comuni posseggono infatti minerali (in particolare sali di calcio) che possono rapidamente uccidere la pianta. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte delle specie carnivore si è evoluta in suoli acidi e poveri di nutrienti e di conseguenza si tratta di piante estremamente calcifughe e molto sensibili ad un eccesso di nutrienti nel terreno. Dal momento che la maggior parte di queste piante vive nei pantani, quasi tutte sono molto intolleranti ai suoli asciutti. Eccezioni sono costituite dalle drosere tuberose che richiedono un periodo di riposo estivo secco, e dal Drosophyllum che richiede condizioni più secche della maggior parte delle altre carnivore.

Le piante carnivore coltivate in esterno generalmente catturano insetti più che a sufficienza per far fronte alle proprie necessità di nutrienti. Una pianta carnivora che non cattura insetti morirà raramente, ma la sua crescita sarà ridotta. In caso di carenza si possono somministrare manualmente insetti per integrare la dieta della pianta la somministrazione di altro tipo di nutrienti, come per esempio pezzi di carne, può portare alla morte della trappola e dell'intera pianta.

Molte piante carnivore richiedono un ambiente soleggiato, che renderà il loro aspetto migliore poiché le incoraggia a sintetizzare pigmenti antocianini rossi e violacei. Molte specie, ad eccezione delle specie di Nepenthes is Pinguicula, amano la luce solare diretta purché non sia troppo intensa, tipica delle giornate estive più calde.

La maggior parte delle carnivore vive nelle paludi e alcune in habitat tropicali e quindi necessitano di una elevata umidità. Su piccola scala, questa condizione può essere ottenuta posizionando la pianta in un ampio sottovaso riempito di acqua o semplicemente vaporizzando la pianta giornalmente. Le piccole specie di Nepenthes crescono bene in larghi terrari.

Molte carnivore dei climi temperati, sebbene non sopportino il forte gelo, possono essere poste all'esterno per la maggior parte dell'anno. Le Nepenthes sp., essendo tropicali, richiedono invece una temperatura dai 20 ai 30 °C per sopravvivere.

Le carnivore necessitano di un appropriato suolo povero di nutrienti. Molte di esse apprezzano una mistura di torba acida di Sphagnum e sabbia orticola o perlite in rapporto 3:1. There fibra coir, ricavata dalle noci di cocco, è un accettabile sostituto della torba, essendo inoltre più ecologica non sfruttando le torbiere naturali. Le Nepenthes cresceranno meglio in un compost per orchidee costituito da bark sminuzzato (40%), substrato di Sphagnum (30%) e perlite (30%).

Ironicamente, le piante carnivore sono esse stesse suscettibili alle infestazioni da parte di insetti parassiti, quali gli afidi o le cocciniglie. Anche se le piccole infestazioni possono essere rimosse direttamente con le mani, le più grandi richiedono l'intervento di insetticidi. L'alcol isopropilico è un efficiente insetticida topico il diazinone, invece, è un eccellente insetticida non sistemico che viene ben tollerato da molte carnivore, così come il malathion, l'acephate e l'imidacloprid.

Sebbene gli insetti possano causare dei problemi, il pericolo maggiore per la coltivazione delle carnivore è rappresentato dalla botrite, o muffa grigia, una malattia causata dal fungo parassita Botrytis cinerea. Questi prospera in condizioni caldo-umide e può essere un problema durante l'autunno. In una certa misura, le piante carnivore temperate si possono proteggere da questo patogeno, ponendole in un ambiente fresco e ben ventilato in autunno e rimuovendo prontamente ogni foglia morta. Se questi accorgimenti risultassero inutili, si può intervenire con l'uso di un fungicida rameico. Altra malattia fungina molto comune tra le piante carnivore è l'oidio. Questa patologia colpisce soprattutto il Cephalotus follicularis e può essere curata irrorando la pianta con un anticrittogamico a base di zolfo.

Per i neofiti, le più facili carnivore da coltivare sono sicuramente quelle provenienti dalle zone freddo-temperate. Queste piante cresceranno bene se lasciate sempre all'esterno, in pieno sole, sia in inverno (se la temperatura non scende frequentemente sotto i 5 °C, altrimenti è necessario utilizzare una serra fredda) sia in estate. Vanno poste in un ampio vaso con un sottovaso pieno di acqua d'osmosi inversa o piovana durante l'estate e mantenute umide d'inverno. Fra le specie più comuni ricordiamo:

  • Drosera capensis: drosera dalle foglie a nastro, fiori rosa, molto tollerante ai maltrattamenti.
  • Drosera binata: grandi dimensioni e foglie a forma di Y.
  • Sarracenia flava: foglie venose e fiori gialli in primavera.
  • Pinguicula grandiflora: fiori lilla in primavera, va in ibernazione chiudendosi in una sorta di bocciolo (ibernacolo) in inverno. Capacissima di adattarsi ad ambienti sfavorevoli.
  • Pinguicula moranensis: fiori rosa, foglie non-carnivore in inverno.
  • Darlingtonia californica, la pianta cobra: ha foglie dall'aspetto vistoso, con fiori viola e fiori verde limetta, ha bisogno di essere copiosamente annaffiata con acqua fredda durante i mesi estivi.

Anche la Dionea crescerà bene in queste condizioni ma avrà bisogno di maggiori attenzioni: anche se ben trattata, spesso soccombe se la muffa grigia non viene tenuta sotto controllo. Alcune Nepenthes di pianura sono molto facili da coltivare finché si provvederà a fornir loro delle condizioni caldo-umide costanti, determinate dalla posizione all'aperto e da vaporizzate regolari o dalla presenza di una vaschetta d'acqua in prossimità del vaso.

Infine, ritornando alla Dionea, poiché una volta terminata la digestione all'interno della trappola possono rimanere antiestetici rimasugli della preda, alcuni coltivatori spruzzano dell'acqua distillata vaporizzata sulla stessa inibendo il meccanismo di chiusura, per avere così la possibilità di rimuovere i resti con una pinzetta.

Narrativa Modifica

Fin dai tempi della loro scoperta, le piante carnivore hanno suscitato un grande interesse da parte degli autori di romanzi d'avventura, dell'orrore e opere simili, specialmente con ambientazioni esotiche. Non di rado le piante carnivore appaiono di proporzioni tali da essere pericolose per l'essere umano, nonché dotate di tentacoli capaci di avviluppare una preda di passaggio. Queste storie potrebbero avere origine da presunti fatti di cronaca (mai verificati e altamente improbabili), come quello riportato il 26 settembre del 1920 da The American Weekly, secondo cui una pianta carnivora avrebbe divorato una ragazza in Madagascar nel 1878 (la stessa rivista riportò un fatto analogo che sarebbe avvenuto nel 1925 nelle Filippine).

Dal mito della pianta carnivora derivano probabilmente anche altre celebri "piante assassine" in particolare si possono citare i trifidi del romanzo di fantascienza Il giorno dei trifidi di John Wyndham, dal quale è stato tratto il film L'invasione dei mostri verdi. I trifidi della storia sono piante capaci di sradicarsi e spostarsi da sole, uccidendo le vittime con una coda come quella dello scorpione che porta un pungiglione velenoso. Il romanzo lascia nel mistero se i trifidi siano o meno intelligenti.

Nel secondo breve racconto Fioritura di una strana orchidea contenuto in Il bacillo rubato e altri casi, raccolta di racconti di fantascienza di Herbert George Wells, pubblicata nel 1895 [39] dalla giovane ma già affermata casa editrice londinese Methuen & Co. Wells affronta il tema del vampirismo, riproposto nella letteratura gotica da John Polidori nel 1819 e consacrato definitivamente, quasi ottant'anni dopo, nel 1897 da Bram Stoker. L'idea geniale di Wells sta nel separarsi da quello che lo stereotipo del personaggio di Dracula, introducendo un insolito tema, quello della pianta-vampiro, dimostrando ancora una volta la capacità di spaziare con l'immaginazione, per creare qualcosa di completamente nuovo [40] .

In un romanzo della serie fantasy di Deltora di Emily Rodda vi sono piante carnivore chiamate grippers (gripper = colui che stringe, afferra). Assomigliano a bocche dentate che crescono nella terra, coperte da foglie simili a quelle dei cavoli e che si aprono per farvi cadere la vittima che ci mette i piedi sopra, considerate pericolose per le persone.

Nel romanzo Vita di Pi di Yann Martel, Pi arriva su un'isola di alghe che poi scoprirà essere carnivore.


Coltivazione e cura dell’Aloe vera

L'Aloe vera può essere coltivata in vaso o in giardino senza particolari difficoltà, prestando attenzione alla collocazione, alla temperatura e alle innaffiature.

Esposizione dell’aloe

Per quanto riguarda dove posizionare l’aloe, occorre tenere conto che questa pianta ama la luce diretta del sole e il caldo. Trattandosi di una pianta originaria di zone in cui il clima è secco e caldo, la coltivazione dell’aloe darà il meglio di sé a temperature comprese tra i 18 e i 30°C e in ambienti non umidi.

Come tutte le piante, anche l’aloe cresce in modo ottimale quando è coltivata in piena terra all’aperto, ma se le temperature invernali sono troppo rigide è preferibile coltivare l’aloe in un grande vaso che possa essere collocato in un luogo riparato durante i mesi freddi: l’aloe infatti potrebbe deperire a temperature inferiori ai 5°C. Temperature troppo basse provocano una colorazione marrone delle foglie: attenzione anche agli sbalzi termici.

Innaffiare l’aloe

L’aloe non teme la siccità e necessita di innaffiature sporadiche e sarà sufficiente bagnare la pianta ogni quindici giorni, senza esagerare con la quantità di acqua ed evitando i ristagni nel sottovaso. Innaffiature eccessive possono causare in breve tempo la morte della pianta, anticipata da un rammollimento delle foglie.

Terreno ideale

Il miglior terreno per la coltivazione migliore dell’aloe è dato da terriccio universale misto a sabbia. Quando l’aloe è coltivata in vaso è preferibile aggiungere dei piccoli sassi mescolati alla terra per garantire il giusto drenaggio dell’acqua.


Usi delle foglie di Aloe vera

Dalle foglie di Aloe vera si possono ricavare sia il succo sia il gel d’aloe. Come abbiamo visto precedentemente, il succo di aloe si ottiene dalle cellule di tutta la foglia esclusa l’epidermide, mentre il gel di aloe è ricavato dalle cellule a mucillagini presenti nella parte più interna della foglia.

THE componenti principali delle foglie di aloe sono rappresentati per il 30% circa da mucillagini cui si sommano lipidi, antrachinoni, polisaccaridi, tannini, glicoproteine, saponine, vitamine, minerali e l’enzima ciclossigenasi. Gli antrachinoni sono presenti solo nel succo di aloe vera e non nel gel.

Gli antrachinoni sono molecole che a livello intestinale agiscono da lassativi grazie alla loro azione irritante sulla mucosa. The succo d’aloe rientra tra i rimedi erboristici utilizzati per il trattamento della stipsi ma è importante che venga assunto al giusto dosaggio e dietro consiglio del medico, del farmacista o dell’erborista.

The gel d’aloe non contiene antrachinoni e ha proprietà antimicrobiche, antinfiammatorie, immunostimolanti, anestetiche e cicatrizzanti. Trova impiego soprattutto per la cura della pelle e delle mucose, in particolare in caso di ustioni, scottature, eritemi solari e ferite oltre che per lenire il prurito in caso di orticaria e punture di insetti e le infiammazioni del cavo orale.

Il gel d’aloe può essere estratto dalle foglie anche in ambito domestico. Per ottenere il gel d’aloe è sufficiente eliminare la cuticola della foglia e frullare il tessuto interno: il gel andrà utilizzato immediatamente e solo per uso esterno. È fortemente sconsigliato assumere per via orale il contenuto delle foglie di aloe per l’effetto purgante dato dalla presenza degli antrachinoni, che non possono essere separati dal gel d’aloe in modo casalingo.

Per approfondire l’argomento puoi leggere anche:

Tatiana Maselli

Mobilità elettrica: verso le “città dei 15 minuti” con meno auto e più monopattini ed e-bike

Come avere un prato verde sempre in ordine, da far invidia a tutto il vicinato

Hai trovato una moneta rara? Prova a venderla online con questi trucchi (e accortezze)

Caviro lancia Innesti, l’e-magazine che promuove una nuova cultura della sostenibilità

Ricondizionato è meglio! I migliori prodotti che conviene acquistare rigenerati (per te e l’ambiente)


Video: What is a Plant? All About Plants for Kids - FreeSchool